Archiviazione per Cascio e i pezzi da novanta dell'Ars. C'è "ingiustizia sostanziale" ma nessun reato | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Continua l'annosa questione delle indennità riconosciuta a chi ha svolto il servizio militare

Archiviazione per Cascio e i pezzi da novanta dell’Ars. C’è “ingiustizia sostanziale” ma nessun reato

di
1 Dicembre 2016

Non c’è stato il reato di abuso d’ufficio: archiviate le posizioni dell’ex presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Francesco Cascio e di altri cinque componenti del Consiglio di presidenza. Le indennità riconosciute per il servizio militare ai dipendenti dell’Ars e deliberate tra il 2010 e il 2011 sono un ennesimo privilegio ma non un reato sia secondo il pm Gaspare Spedale che trova «illegittime le delibere presidenziali con cui fu applicata ai dipendenti una disciplina più favorevole di quella nazionale, peraltro disponendo sostanzialmente in via retroattiva, mediante il ricorso all’istituto atipico del bonus» e sia secondo il Gip Fabrizio Molinari.

baldo-gucciardi-marsala-live-e1455798817520L’ennesimo privilegio consiste in un bonus di circa 500 euro al mese per chi, tra i dipendenti dell’Ars, ha sostenuto il periodo di leva, ma non c’è notizia di reato, perché è un beneficio previsto da una norma del 1986, e la posizione di Francesco Cascio viene archiviata insieme a quelle dell’attuale assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi (in foto), del capogruppo della Lista Musumeci Santi Formica, del deputato Paolo Ruggirello e degli ex parlamentari regionali Gaspare Vitrano, condannato a sette anni in un altrCo processo, ed Edoardo Leanza, all’epoca dei fatti erano tutti componenti del Consiglio di presidenza. Si tratta di “ingiustizia sostanziale” ma non c’era “comunanza di interessi” tra indagati e beneficiari né alcun “collegamento di favore” e concorda anche la Corte dei conti, che già all’inizio aveva escluso responsabilità erariali del Consiglio di presidenza. Ma partiamo dall’inizio: per chi ha fatto il militare, in sostanza, era previsto sin dall’86 un inquadramento differente, che desse rilievo al periodo in caserma ai fini previdenziali perché l’Ars ha sempre riconosciuto ai propri dipendenti un trattamento diverso rispetto a quello riservato agli altri dipendenti pubblici ordinari, basandosi sulle regole che equiparano l’assemblea di Palazzo dei Normanni al Senato. Ma la legge di quell’anno è stata espansa fino a includere tra i beneficiari del bonus persone che il militare lo avevano fatto molti anni prima dell’entrata in vigore della norma. Anche, per dire, dipendenti che o percepivano già stipendi che variano dai 300mila ai 500mila euro annui. In sede amministrativa e contabile la disparità fu considerata «giustificata», per evitare che si generasse «un aggravio di bilancio per la Regione». E alla fine per la stessa Procura non ci sono gli estremi per la notizia di reato e il Gip concorda e archivia: non ci fu alcun abuso d’ufficio ma solo un privilegio, l’ennesimo, rispetto ai «comuni» dipendenti pubblici.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin