Ardizzone attacca Crocetta, "Inamissibile ritardo sui documenti finanzari" :ilSicilia.it
Palermo

In commissione salta il Dpef

Ardizzone attacca Crocetta: “Inamissibile ritardo sui documenti finanziari”. E lui si precipita all’ARS

di
20 Dicembre 2016

Tensione altissima all’Ars. Il governo oggi non ha inviato i documenti finanziari come promesso da Crocetta ai capigruppo nell’ultima conferenza. E il presidente dell’Assemblea, Giovanni Ardizzone, lo ha bacchettato davanti ai deputati leggendo la missiva che ha trasmesso al governatore nella quale giudica “inammissibile” il ritardo. Toni decisi quelli di Ardizzone che ha voluto rimarcare le prerogative del Parlamento e gli oneri del governo, cui spetta di presenetare la manovra in tempi “scanditi dalla normativa” e “abbondantemente trascorsi”.

ardizzone-2Tant’è che Ardizzone ritiene a questo “punto assolutamente necessaria la presentazione, congiuntamente ai documenti finanziari, del disegno di legge di esercizio provvisorio proprio per evitare quella interruzione dell’attività amministrativa che porterebbe un grave nocumento alla società e all’economia siciliana, con particolare riferimento alla necessità di assicurare le risorse finanziare idonee a garantire la proroga dei precari“. Avvertito dai suoi, Crocetta si è immediatamente precipitato a Palazzo dei Normanni chiedendo un colloquio ad Ardizzone che ha ceduto il testimone dei lavori parlamentari per accoglierlo nella Torre Pisana. Parlando con il presidente dell’Assemblea, il governatore ha consegnato parte dei documenti finanziari, ovvero la legge di stabilità composta da quindici articoli . Crocetta ha assicurato che domani completerà l’inoltro con il resto dei documenti contabili.

Che ci sia un clima di smobilitazione lo dimostra un altro episodio: la commissione Bilancio stamani avrebbe dovuto esaminare il documento di programmazione economico-finanziaria (Def). Riunione disertata proprio dalla maggioranza che sostiene il governo Crocetta. Un segnale inequivocabile che la strada della manovra è tutta in salita e che a questo punto rischia di saltare. Giovanni Di Giacinto, capogruppo del Psi, non usa mezzi termini: “Nella maggioranza ormai è evidente lo sbando. In commissione Bilancio abbiamo registrato tantissime assenze al punto che è saltata l’approvazione del Def“. E il parlamentare, un tempo fedelissimo di Crocetta nel ‘Megafono’ da cui ha poi preso le distanze, ricorda che “senza il varo di questo atto importante e propedeutico non si potrà procedere all’iter di esame del bilancio e della finanziaria“. In commissione, rivela Di Giacinto, “eravamo presenti in sei. Con me c’erano solo i colleghi Cimino, Cancelleri, Di Pasquale, Anselmo e Lupo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro