18 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.56

In una lettera indirizzata al presidente

Aree industriali, i sindacati dei regionali: “Musumeci e Turano intervengano sull’Irsap”

18 Marzo 2019

In una lettera indirizzata al presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e all’assessore regionale alle Attività Produttive, Mimmo Turano, i sindacati Cobas-Codir, Sadirs e Ugl chiedono un immediato intervento sulla grave situazione gestionale ed economico finanziaria in cui versa l’Irsap, l’ente regionale che si dovrebbe occupare di promuovere le attività produttive nell’ambito delle aree a ciò destinate.

Ma, scrivono i sindacati, “ormai da troppo tempo si assiste allo stato di completo abbandono delle aree industriali che una volta erano affidate agli ex Consorzi ASI ed oggi all’Istituto Regionale per lo Sviluppo delle Attività Produttive, costituito con la legge 8 del 2012”.

L’Ente – denunciano i sindacalisti Marcello Minio, Dario Matranga e Bernardo Scaturro del Cobas-Codir, che hanno promosso l’attività di denuncia della situazione – è lasciato in stato di gravi condizioni organizzative ed economiche con interi plessi in stato di abbandono; a distanza di oltre sette anni dall’istituzione dell’ente non vi è neanche una governance stabile trovandosi ancora in regime commissariale”.

Il sindacato evidenzia come, oltre a uno stato di confusione sulle competenze di questo nuovo ente, ci si trovi anche davanti alla progressiva riduzione del contributo di funzionamento, rendendo quasi impossibile fare fronte alla gestione ordinaria, alle manutenzioni dei plessi, alle spese del personale e delle stesse utenze e infine al buon andamento dell’azione dell’Ente in favore delle imprese siciliane.

Concludendo i sindacalisti del Cobas-Codir: “A distanza di un anno, dal 15 marzo 2018, data in cui il presidente Nello Musumeci denunciava che l’Irsap fosse solo uno stipendificio ( ironia della sorte proprio davanti a quegli stessi industriali che hanno gestito attraverso propri uomini e donne la politica industriale dei governi regionali, rendendosi compartecipi dell’attuale situazione di sfascio), chiediamo al governo regionale di adottare al più presto le soluzioni politiche che possano dare una svolta alla grave situazione gestionale ed economico-finanziaria dell’Irsap , facendo chiarezza con atti concreti, al fine di  restituire opportunità serie alle imprese e al personale dell’IRSAP e assicurando un futuro certo nell’interesse dell’economia e del lavoro nella nostra isola”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.