Aricò: "Gli elettori hanno premiato i candidati di #DiventeràBellissima" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Parla il capogruppo del movimento civico

Aricò: “Gli elettori hanno premiato i candidati di #DiventeràBellissima”

25 Giugno 2018

“A Partinico, Comiso e Piazza Armerina hanno vinto al ballottaggio candidati sindaci in quota Diventerà Belllissima, trionfando in Comuni che erano governati dal centrosinistra. Il nostro movimento politico è in grande crescita sui territori e queste amministrative in Sicilia lo hanno confermato”. A sottolinearlo è Alessandro Aricò, capogruppo all’Ars di Diventerà Bellissima.

“L’elezione di Maurizio De Luca come nuovo sindaco a Partinico- il Comune più grande del Palermitano chiamato alle urne- rappresenta – aggiunge – il meritato riconoscimento alle sue qualità e al programma che ha presentato agli elettori e contemporaneamente premia l’impegno di Diventerà Bellissima che lo ha indicato come candidato e della coalizione di centrodestra che lo ha sostenuto. A Partinico, come altrove in Sicilia, la nostra classe dirigente provinciale e locale ha contribuito in maniera determinante, dimostrando che la buona politica conta per fortuna ancora molti proseliti”.

“In particolare il gruppo consiliare di Diventerà Bellissima a Partinico potrà contare su 5 componenti e sarà quello di maggioranza relativa.- osserva Aricò – E sono importanti e molto significative anche le vittorie ottenute al ballottaggio da Maria Rita Schembari a Comiso ed Antonino Cammarata a Piazza Armerina, che contribuiscono a migliorare ulteriormente l’ottimo risultato conseguito da Diventerà Bellissima sin dal primo turno in queste Amministrative in Sicilia”.

“Una competizione elettorale che ha visto, invece, rispetto alle nazionali – conclude – l’evidente arretramento del M5S, che lì dove ha amministrato- come a Ragusa- è stato sonoramente bocciato dagli elettori”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona