Armao, sbloccheremo somme per imprese artigiane :ilSicilia.it
Banner Bibo

Dal 2012 ad oggi, persi oltre 200 milioni di euro

Armao, sbloccheremo somme per imprese artigiane

di
21 Dicembre 2017

“Assieme all’assessore alle Attività produttive porterò in giunta la proposta, indirizzata alla Commissione Paritetica Stato-Regione, per avviare l’iter necessario allo sblocco delle somme destinate alle imprese artigiane“. Ad assumere l’impegno è stato il vice presidente della Regione, Gaetano Armao, durante l’incontro avuto con una delegazione composta dai rappresentanti di Cna, Confartigianato, Casartigiani e Claai e dai massimi vertici di Artigiancassa Sicilia.

Sul tavolo dell’assessore all’Economia le quattro organizzazioni datoriali hanno portato l’annosa questione relativa all’incomprensibile blocco degli ex fondi del Ministero del Tesoro. Dal 2012 ad oggi nell’Isola sono andati perduti oltre 200 milioni di euro.

“Finalmente qualcuno ha deciso di prestare orecchio alle nostre legittime richieste – spiegano con soddisfazione Cna, Confartigianato, Casartigiani e Claai – l’assessore Armao è stato rassicurante, si è messo immediatamente a disposizione per risolvere questo clamoroso esempio di mala gestio politico – burocratica, che si trascina incomprensibilmente da sei anni, cioè da quando è entrata in vigore la legge di decentramento. Da allora queste risorse, ripartite da Roma a favore delle regioni a statuto speciale, sono tornate sistematicamente indietro per la semplice ragione che in Sicilia non sono state ancora recepite le funzioni in materia di incentivi alle imprese, rinunciando di fatto a 35 milioni di euro all’anno. Soldi – continuano – sottratti alla disponibilità degli artigiani e dei piccoli imprenditori che, in piena crisi, avrebbero potuto impiegarli per investimenti e contributi anche per acquisto scorte sia in conto interesse che in conto capitale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin