Armao si difende dal fuoco amico: "Piena sintonia con Berlusconi e il collegato lo dimostra" | VIDEO :ilSicilia.it

Dopo le accuse fatte da Forza Italia

Armao si difende dal fuoco amico: “Piena sintonia con Berlusconi e il collegato lo dimostra” | VIDEO

di
16 Luglio 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La poltrona dell’assessorato all’Economia, in cui vede in sella il vicepresidente Gaetano Armao, rimane fissa e stabile, almeno per il diretto interessato. La maggioranza che in questi mesi non è stata una delle protagoniste in aula, durante varie argomentazioni politiche, arriva attraverso il ‘Collegato’, la mini-manovra finanziaria che sta tanto a cuore ad Armao.

E se pezzi del gruppo parlamentare del suo partito, Forza Italia, hanno chiesto incessantemente la sua testa, politicamente parlando, stando alle parole di Armao, ha un ampio sostegno dei vertici nazionali degli azzurri. Il politically correct dell’assessore , nei confronti di chi ha usato parole e toni aspri in queste settimane in merito al suo operato rimane invariato e dice: “Provo molto amarezza per delle affermazioni pubbliche contro di me, da parte di esponenti politici. Come è noto, io non ho mai replicato perché non è nel mio stile. I risultati credo che parlino. Gli attacchi  in aula, dell’onorevole Milazzo, in merito al Collegato, credo che si mal conciliano con l’approvazione dello stesso, ricevendo una ampia maggioranza da parte dei deputati”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin