Aro Catania: due offerte per l'appalto rifiuti. Pogliese: "Si volta pagina" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Catania

gara da 334 mln di euro

Aro Catania: due offerte per l’appalto rifiuti. Pogliese: “Si volta pagina”

di
4 Maggio 2021

Al termine della scadenza dei termini stabiliti dal bando, sono state due le offerte presentate a Catania per partecipare alla gara di livello europeo del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati e altri servizi di igiene pubblica, all’interno dell’ARO Città di Catania, suddiviso in tre macro lotti con durata settennale, per un importo globale di 334.022.782 euro, oltre Iva, e che prevede il sistema porta a porta differenziato in tutta la città etnea.

Il prossimo 10 maggio ci sarà l’apertura delle buste delle due offerte presentate e nelle settimane successive si procederà all’aggiudicazione. Gli atti di gara, oltre che sulla Gazzetta Ufficiale europea, nazionale e regionale, sono stati pubblicati per 60 giorni sul sito web dell’ufficio competente per l’espletamento della gara d’appalto, vale a dire l’UREGA sezione provinciale di Catania.

A conclusione di un lungo e complesso iter in cui il Comune e la SRR oltre a recepire integralmente le esortazioni dell’Anac a dividere la gara in più lotti hanno anche modificato alcuni aspetti del precedente capitolato, la cui gara di aggiudicazione un anno addietro andò deserta, con mutamenti tecnici migliorativi apportati all’Aro (Ambito Rifiuti Ottimale) dal Consiglio comunale, per procedere a una gara a evidenza pubblica con il sistema dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Dal 2016 il Comune di Catania ha una gestione esterna, affidata mediante una gara ponte per 120 giorni, con successive continue proroghe, con solo il 20% della città servita dalla raccolta porta a porta.

Quella settennale attualmente in fase di espletamento, con le due offerte presentate, è la sesta gara proposta (le prime quattro a lotto unico tra il 2016 e il 2018) erano tutte andate deserte.

“Auspichiamo di metterci alle spalle un passato che abbiamo ereditato con livelli assolutamente insoddisfacenti di raccolta differenziata, inefficienze che non abbiamo mai negato e che in ogni modo abbiamo tentato di superare – ha detto il sindaco Salvo Pogliese -. Con lo stesso impegno e determinazione del primo bando a cui le imprese non hanno ritenuto di partecipare, insieme alle altre strutture coinvolte, SRR, tecnici preposti e Consiglio comunale che ringrazio ancora una volta, ciascuno per la propria parte, abbiamo rimodulato il capitolato d’oneri, mantenendo dritta la barra delle indicazioni dell’Anac e la massima linearità delle procedure. Aspettiamo che nei tempi previsti dal bando si proceda ora all’aggiudicazione per partire con nuove prospettive nell’interesse dei cittadini e della salvaguardia dell’ambiente. Intanto registriamo con soddisfazione che si è creato un interesse, economico e imprenditoriale su questa gara, mancato per troppo tempo a Catania, impedendo che si voltasse finalmente pagina, con una fase completamente nuova e più efficiente, con criteri di massima trasparenza e razionalizzazione dei costi e dell’impiego delle risorse in un settore delicatissimo come quello dei rifiuti, purtroppo ancora attraversato da opacità, nonostante l’azione risoluta di magistratura e forze dell’ordine”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco