21 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.50
Caltanissetta

Operazione Ps Caltanissetta e Cc di Ragusa contro a Niscemi ed Acate

Arresti nel Clan Madonia, facevano assumere guardiani per evitare furti

6 Dicembre 2016

Sette pregiudicati di Niscemi sono stati arrestati dopo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Catania con l’accusa accusati di associazione mafiosa ed estorsioni aggravate dalle modalità mafiose.

La Polizia di Stato di Caltanissetta in collaborazione con i Carabinieri di Ragusa, su delega della Direzione distrettuale Antimafia della Procura di Catania hanno accertato che i 7 appartengono al clan Madonia di Cosa Nostra, famiglia di Niscemi. Le indagini hanno permesso di far luce sul fenomeno della “Guardiania” nei confronti dei titolari di aziende agricole di Acate (RG) e Niscemi (CL), ai quali veniva imposta l’assunzione, con mansioni di guardiani, di appartenenti al clan.

A loro volta i finti guardiani assicuravano alle ignare vittime che non avrebbero più subito furti e danneggiamenti che si verificavano prima della loro assunzione, grazie al controllo di tutte le attività criminali svolte nel territorio ove erano ubicate le aziende.

Ai guardiani assunti venivano corrisposte somme in denaro, pari a mille euro al mese, o prodotti agricoli. Gli episodi estorsivi contestati nel provvedimento cautelare sono sei, relativi ad un arco temporale molto ampio, compreso tra l’anno 2001 e l’anno 2015.

Conferenza stampa in Questura a Catania alle ore 11,30.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.