19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.34

Taciute le atrocità commesse dalla repubblica popolare

Arriva il presidente cinese e sulla violazione dei diritti umani scende il silenzio

23 Marzo 2019

Oggi è il giorno palermitano del presidente cinese Xi Jinping, che suggella da ieri con la propria presenza l’accordo fra Italia e Cina su molteplici questioni economiche. La cosiddetta “Via della seta”, infatti, è solo un tassello di un intensificarsi di relazioni avviate già dal 2015 fra il grande Paese asiatico e il nostro.

Eppure, grande assente dal dibattito di queste ore è stato il tema dei diritti umani, che in Cina valgono poco o niente. Una cortina di silenzio è calata attorno ai crimini contro l’umanità che nel Paese estremo orientale continuano ad essere commessi quotidianamente.

Nessuno – nemmeno il Capo dello Stato nel suo discorso – ha ricordato come in Cina siano tuttora calpestati i più elementari diritti. Sì, perchè in queste ore si è parlato quasi esclusivamente degli effetti economici (e in parte di quelli politici e geopolitici) del mega-accordo italo-cinese, ma il tema dei diritti umani è stato accuratamente messo all’angolo. Come se non fosse di alcun interesse. Anche il generico auspicio di Sergio Mattarella a un “dialogo Ue-Cina sui diritti umani” è parso più che altro un inciso privo di contenuti concreti in un contesto di generale ossequio e genuflessione dinanzi alla potenza cinese.

La forza degli investimenti economici sventolati, purtroppo, muove interessi mastodontici ed è per questo che questa visita italiana e siciliana è diventata l’occasione – l’ennesima ma la più clamorosa – per mettere la testa sotto la sabbia. E infatti, non conviene a nessuno sollevare ad esempio la questione della violazione sistematica dei diritti umani in Tibet, in cui viene progressivamente cancellata in modo scientifico la conoscenza della lingua e della cultura di questo popolo, o quella relativa alla pena di morte, che in Cina è ancora ben presente. O ancora, l’intollerabile silenzio sui cosiddetti “campi di rieducazione e formazione” nella regione dello Xinjiang, in cui vive la principale minoranza di religione islamica, quella degli uiguri. Regione, che ha visto la deportazione e l’indottrinamento a forza di molti appartenenti a questa popolazione.

Per non parlare delle centinaia di rastrellamenti di attivisti e liberi pensatori, arrestati e fatti sparire nel nulla. Fra questi, come dimenticare la morte in cella di Liu Xiaobo, già Premio Nobel per la Pace? E come tacere sulla totale censura dei social network o sul nuovo sistema di riconoscimento facciale di massa, che sta per essere introdotto nelle città cinesi per “schedare” tutti?

In termini di diritti sul posto di lavoro, poi, le cose non vanno meglio, perchè se è vero che la forza-lavoro cinese è un esercito che fa paura, è altrettanto vero che ciò avviene in barba a ogni regola e rispetto. Bene ha fatto, a questo proposito, il segretario della Cgil Stefano Landini a ricordare come in Cina siano sistematicamente calpestati anche i diritti dei lavoratori: “Sarebbe necessario rivendicare che anche in Cina vengano rispettati diritti e forme di lavoro. Il problema – ha detto Landini – non è con chi investo ma chi c’è al centro di questo rapporti, se la persona o il mercato”. 

Ecco, in questa visita in cui tutti hanno posto l’accento sul mercato, forse sarebbe stato opportuno guardare anche alla persona umana, che fin troppo spesso in Cina è stata mortificata e violata da un governo comunista che non gli ha mai attribuito alcuna importanza. Il popolo cinese è ricco di storia, cultura e tradizioni, ma non si possono nascondere le nefandezze perpetrate dalla Repubblica popolare cinese. Noi non ci voltiamo dall’altro lato, perchè se scambi commerciali debbono esserci, vogliamo ricordare a tutti e al mondo intero, che prima viene l’essere umano e poi l’economia. 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.