Arriva "Street Art in Sicilia", una guida alternativa per andare alla scoperta di tutte le opere | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

La prima presentazione giorno 10 alle 18 presso il Punto Flaccovio a San Lorenzo

Arriva “Street Art in Sicilia”, una guida alternativa per andare alla scoperta di tutte le opere

di
2 Maggio 2017

Un viaggio dentro la Sicilia dei colori e dell’arte che passa per le strade e tra la gente. Il libro “Street Art in Sicilia” edito da Dario Flaccovio Editore, dei tre autori: Mauro Filippi, Marco Mondino e Luisa Tuttolomondo, sarà presentato mercoledì 10 maggio alle 18 al punto Flaccovio di via Federico Garcia Lorca 5 a Palermo. Gaber in una sua famosissima canzone cantava: “C’è solo la strada su cui puoi contare, la strada è l’unica salvezza; c’è solo la voglia, il bisogno di uscire di esporsi nella strada e nella piazza. Perché il giudizio universale non passa per le case, le case dove noi ci nascondiamo, bisogna ritornare nella strada, nella strada per conoscere chi siamo“.

Sembra un’ode perfetta per la Street Art e in questo libro c’è molto da emozionarsi, una guida, un punto di riferimento per tutti gli appassionati del genere, per i curiosi che vogliono scoprire quali artisti internazionali sono stati affascinati dalla Sicilia e quali opere le hanno dedicato. Il libro si apre con un po’ di storia: “Accanto alla street art va ricordato il ruolo che il Writing ha avuto in una città come Palermo. È a partire dagli anni Novanta che viene fuori una vera e propria scena che eleggerà i vagoni dei treni e i muri di alcuni spazi della città come supporti per le sue azioni. La raccolta più vasta di questi interventi a Palermo si trova in via Darinai Alliata: qui i graffiti sono posti in continuità, uno di seguito all’altro. Si tratta di uno spazio che è stato costantemente utilizzato dai Writer“.

Per arrivare alle prime incursioni di artisti nazionali a Palermo negli anni 2000 inoltrati. Da qui parte il viaggio con le foto delle opere e le didascalie, dei racconti di realtà più strutturate e nate da un’azione diversa da quella classica di Street Art come quella di Borgo Vecchio Factory dove l’artista Ema Jones ha lavorato per mesi con i bambini e alla fine ha riprodotto i loro disegni sulle loro case. Si passa per i mercati storici centri nevralgici per la città che non lasciano indifferenti gli artisti, così sono tantissime le opere dal Capo a Ballarò passando per la Vucciria e ogni artista ha dedicato ai vari luoghi.

Usciti dall’indagine alla scoperta degli artisti che hanno lasciato il segno nel capoluogo siciliano si passa al resto della Sicilia, da Campo Felice di Roccella, Mezzojuso, Gibellina, Castellamare del Golfo con l’artista autoctono Giovanni Bosco, Favara per arrivare ad Agrigento. Niscemi col murales di Blu contro il Muos. Si continua con Enna, Ragusa e l’azione dell’artista argentina Hyuro che si lascia ispirare dalla storia della scrittrice e attivista ragusana Daria KcchiƉinti e continua la sua ricerca artistica dedicata all’identità di genere e alla rappresentazione di corpi e sguardi femminili con delle opere molto grandi su alcune facciate laterali senza finestre di alcuni palazzi. Catania e il quartiere a luci rosse San Berillo, uno dei luoghi più affascinanti della città, adesso abitato dagli immigrati e in parte riqualificato da alcuni gruppi di residenti e commercianti.

Un libro intenso, 256 pagine per andare alla scoperta di un’altra Sicilia e della sua storia che si fa raccontare da artisti di fama internazionale, ma anche da artisti locali, tutti con un loro particolarissimo punto di vista e un loro modo di raccontare e tutte con un’unico denominatore comune: la strada. “La strada per conoscere chi siamo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin