18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 06.56

Riprendono i lavori parlamentari

Ars, a Palazzo qualcosa si muove: le commissioni ripartono da Ato Rifiuti e territorio

13 Maggio 2019

Mentre all’Ars sono stati incardinati i disegni di legge che attendevano la discussione in Aula, a Palazzo dei Normanni, il 14 maggio riprenderà anche il lavoro delle commissioni parlamentari. E la carne al fuoco non manca.

In prima commissione ci sono diversi ddl che attendono di essere esaminati. Prevista l’audizione del Presidente dell’Assemblea delle Consulte giovanili siciliane in merito al disegno di legge sull’Istituzione della Consulta giovanile regionale. Si parlerà anche del ddl sulla ‘Cultura della Pace in Sicilia’, di quello sulle ‘Disposizioni in materia di lobbying presso i decisori pubblici’, sulle modifiche agli istituti di democrazia diretta della Regione, come il referendum e l’iniziativa legislativa popolare, e quella dei consigli comunali’ e sulla disciplina delle funzioni funerarie.

Molti gli argomenti da trattare anche in commissione bilancio, dalla riprogrammazione degli interventi delle risorse del Patto per il Sud della Regione siciliana al collegato alla finanziaria, fino al parere sul ddl in materia di attività produttive, agricoltura e sviluppo rurale.

In commissione Attività produttive, atteso l’assessore all’Agricoltura Edy Bandiera, che riferirà sulle misure per evitare la diffusione sul territorio del coleottero Aethina Tumida, parassita degli alveari e – in questo caso congiuntamente all’assessore al Territorio Toto Cordaro, in merito alle problematiche riguardanti il bosco dei Monti Rossi nel territorio di Nicolosi. Prevista la discussione di alcuni ddl sul contenimento della fauna selvatica.

Sono in programma alcune audizioni in commissione Ambiente e Territorio in merito allo stato dei lavori della tratta stradale Lucca Sicula-Bivona. Si studieranno anche gli emendamenti alla riforma degli Ato rifiuti.

In commissione Salute, in programma l’audizione dei rappresentanti della Lega Italiana Fibrosi Cistica Associazione Siciliana, del direttore generale dell’Azienda ospedaliera Universitaria “G.Martino” di Messina e di quello dell’Ospedale Civico Di Cristina Benfratelli. Saranno sentiti anche alcuni dirigenti dell’assessorato sull’assegnazione degli ambiti carenti di assistenza primaria e continuità assistenziale.

La commissione per l’Esame dell’Attività dell’UE prevista l’audizione sull’attuazione della programmazione regionale comunitaria con particolare riferimento all’accesso al credito bancario. In commissione per lo Statuto regionale prevista la votazione finale del disegno di legge sul funzionamento della
forma di Governo regionale, sulla nomina e la revoca degli assessori e sulla conclusione anticipata della legislatura. La commissione regionale Antimafia, infine, sentirà Fabrizio Geraci, figlio di Mico, sindacalista ucciso dalla mafia, e Fabrizio Geraci, segretario del SAVES – sindacato autonomo vigilanza e servizi.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.