Ars approva la Legge di Stabilità: una manovra da 831 milioni :ilSicilia.it

pronti al voto

Ars approva la Legge di Stabilità: una manovra da 831 milioni

di
13 Maggio 2022

Dopo ore di sospensioni, stalli e rinvii continui, l’Assemblea regionale siciliana ha approvato la legge di stabilità, e con tante difficoltà, soprattutto nel momento di fare quadrare i conti.

Tre maxi-emendamenti revisionati costantemente dagli uffici e approdati a Sala d’Ercole per il voto: quello del Governo Musumeci, e quelli di iniziativa parlamentare, contenenti la proposta della maggioranza e quella unica di Pd e M5S. Tutti e tre valgono 32 milioni di euro. La manovra finanziaria ammonta a 831 milioni, la legge di bilancio approvata vale 20 miliardi, mentre il bilancio triennale vale 57 miliardi.

Il PD ha votato contro, “Ci siamo battuti – dichiara il capogruppo dei dem, Giuseppe Lupo – per difendere i diritti dei più deboli, dei disabili, per difendere le attività ed i bilanci dei Comuni ed il futuro e lo sviluppo delle imprese e del lavoro”.

Analizzando la Legge di Stabilità, importanti misure si trovano nel maxi emendamento governativo. All’articolo 4 sono previste riorganizzazioni di organico: le società SEUS, Sicilia Digitale, AST, M.A.A.S. (Mercati Agro Alimentari Sicilia) possono procedere a nuove assunzioni sia a tempo indeterminato che determinato, sulla base di uno specifico piano di risanamento da sottoporre alla valutazione dell’Assessorato regionale dell’Economia, ed approvato, poi, dalla Giunta regionale. Tra le condizioni, è necessario che il piano assunzionale sia coerente con la pianta organica rideterminata dalla società con una riduzione non inferiore al 3% rispetto a quella vigente alla data di entrata in vigore della legge. Inoltre, deve essere garantito l’equilibrio economico-finanziario del bilancio.

Poi, l’utilizzo delle risorse afferenti ai fondi extra-regionali e del POC 2014-2020, nel limite di 2,2 milioni di euro, che il Governo della Regione potrà utilizzare per interventi a favore dei Comuni rientranti nei parchi, per l’acquisto di mezzi spazzaneve.

Invece, nell’ambito delle ZES della Sicilia occidentale, soprattutto per l’area industriale complessa di Termini Imerese, sono autorizzate, a favore dei lavoratori Blutec, misure per il contrasto della povertà e dell’esclusione sociale, prevedendo anche politiche attive del lavoro per il reinserimento occupazionale per l’auto-imprenditorialità. L’obiettivo è ridurre il protrarsi dell’impatto socio-economico della crisi industriale dell’area considerata. Il tutto con un budget di 30 milioni di euro.

Approvati alcuni emendamenti in Finanziaria proposti dal Movimento 5 Stelle. Sono stati stanziati ulteriori 500.000 euro, oltre a quelli già previsti dal Bilancio regionale, in favore degli enti che gestiscono le riserve naturali in Sicilia: un patrimonio importantissimo per la tutela della biodiversità e per la fruizione del territorio, quindi per il turismo e l’economia.

Uno stanziamento di 200.000 euro che fungono da incentivi per i cittadini che acquistano veicoli elettrici. Un’occasione economicamente vantaggiosa per ammodernare il parco auto circolante in chiave green, dando un prezioso contributo per abbattere l’inquinamento ambientale dovuto alle emissioni.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.