Ars, approvata la mozione in difesa di Radio Radicale | FOTO | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

primo firmatario Antonello Cracolici

Ars, approvata la mozione in difesa di Radio Radicale | FOTO

di
2 Maggio 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Il Comitato “Esistono i Diritti” in una dichiarazione del presidente Gaetano D’Amico e dei coordinatori della campagna politica per la vita di Radio Radicale, Alberto Mangano e Barbara Evola, che hanno dato vita ad un sit in sotto la sede dell’ARS, esprimono apprezzato per l’approvazione della mozione per la vita di Radio Radicale, primo firmatario Antonello Cracolici e votata all’unanimità dall’Assemblea.

Il Comitato ringrazia il capogruppo del PD Giuseppe Lupo e il Presidente dell’ARS Gianfranco Miccichè sovente vicino alle battaglie di libertà di Marco Pannella.

Il Comitato “Esistono i Diritti ” ha promosso questa iniziativa contro l’intenzione del governo nazionale di revocare la convenzione con Radio Radicale promuovendo le mozioni approvate dal Consiglio comunale di Palermo e oggi dall’Assemblea Regionale e un appello che ha visto oltre 250 adesioni di esponenti politici, delle professioni e del giornalismo, del mondo dello spettacolo e dell’arte.

Tra i primi firmatari il sindaco Leoluca Orlando, il Presidente dell’ARS Gianfranco Miccichè, il Senatore Emerito Emanuele Macaluso e la fotografa Letizia Battaglia.

Il Comitato invierà un dossier con i documenti approvati e l’appello delle autorità al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al Presidente del Consiglio Conte. Il Presidente del Comitato Gaetano D’Amico dichiara che “dalla mezzanotte di oggi a tempo indeterminato si unisce all’iniziativa non violenta promossa dal Partito Radicale dello sciopero della fame”.

Ars, approvata la mozione in difesa di Radio Radicale
Cracolici, D’Amico e Lupo

La mozione impegna il governo regionale ad attivarsi nei confronti del governo nazionale affinché si rinnovi la convenzione con Radio Radicale “senza la quale verrebbe meno la possibilità di trasmissione dei programmi radiofonici e la conseguente ed inevitabile chiusura dell’emittente stessa. Dalla Sicilia parte un appello in difesa di un pezzo di storia della democrazia italiana – ha detto Cracolici – e in quella storia c’è anche Radio Radicale. Una storia di libertà e di garanzia di pluralismo che deve andare avanti”.

L’assessore al territorio Toto Cordaro è intervenuto in aula a nome del governo regionale. “Per noi – ha detto – tutelare di Radio Radicale significa tutelare la libertà”.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, mobilitazione per salvare Radio Radicale

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin