Ars: approvati tre articoli del 'Collegato', via libera alle incompiute in Sicilia :ilSicilia.it

I deputati in aula a Sala d'Ercole

Ars: approvati tre articoli del ‘Collegato’, via libera alle incompiute in Sicilia

di
2 Luglio 2019

L’approvazione del ‘collegato’ all’ARS va a rilento. Quest’oggi in Aula, dopo aver votato positivamente il rendiconto generale dell’Assemblea, sono stati approvati tre articoli (10, 13, 16) in merito al ddl, discusso dai deputati regionali a Palazzo dei Normanni.

L’articolo 10 dice che, alle organizzazioni iscritti all’albo degli intermediari finanziari non si applichi più una norma del 2005. Quindi non sarà più presente negli organi di controllo un rappresentante della Regione.

L’articolo 13,  riguarda le opere incompiute per cause naturali ed interventi in merito ad impianti sportivi. I comuni pare che possano spendere i soldi che erano destinati alle incompiute, appunto, per cause naturali. A questo scenario, la Regione dovrebbe impiegare le proprie risorse attraverso il piano operativo complementare per l’impiantistica sportiva ad altri interventi purché riguardanti lo sport.

L’articolo 16 si occupa  della spesa e compensi dell’Oiv (Organismo Indipendente di valutazione).

Mentre, l’articolo 11 che riguarda la ricognizione del patrimonio immobiliare della Regione, è stato  riinviato alla commissione bilancio, per essere nuovamente discusso.

Il deputato Nuccio Di Paola del Movimento 5 stelle rivolgendosi all’Assessore al Bilancio, Armao, ha dichiarato: “Questo articolo prevede la ricognizione straordinaria della situazione patrimoniale della regione. Ce lo chiede anche la Corte dei Conti. Ma il dossier fatto nel 2009 per quanto riguarda la situazione patrimoniale, dove la Regione ha speso 91 milioni di euro, che fine ha fatto? E’ stato creato un server utile per la ricognizione. Ora volevo capire se questo server, è stato in qualche modo consultato da parte di funzionari e dipendenti”.

Non si lascia attendere la risposta di Armao: “Non abbiamo certezza del tempo che ci vorrà per avere accesso al server. È mia responsabilità che si arrivi a una soluzione di questa vicenda giudiziaria nel più breve tempo possibile. Il rischio nel frattempo è che si allunghino i tempi per realizzare un adempimento che è previsto dalla legge sulla contabilità pubblica e che ci chiede anche la Corte dei conti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin