15 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.58

le parole del capogruppo di Diventerà Bellissima

Ars, Aricò: “Da opposizione non ci aspettiamo scontro e ostruzionismo”

13 Settembre 2019

Il capogruppo di Diventerà Bellissima, Alessandro Aricò manda un messaggio chiaro e netto a tutti i deputati dell’Ars. Una dichiarazione che vuole esprimere chiarezza e coerenza all’interno di Palazzo dei Normanni. Il deputato regionale da un lato cerca di serrare le fila principalmente nella sua maggioranza di governo, la quale è in affanno da molto tempo, dall’altro richiama alla responsabilità politica i gruppi parlamentari dell’opposizione nei confronti dei siciliani.

Tutti i deputati dell’Ars, nessuno escluso, hanno ricevuto un chiaro mandato dai siciliani: produrre norme e provvedimenti per il rilancio della nostra Regione. Seppur su posizioni diverse, – sottolinea Aricò – sia la coalizione di governo che le opposizioni devono contribuire affinché ciò avvenga nel miglior modo e nel più breve tempo possibile. La dialettica politica è il sale della democrazia, ma guai a trasformare il confronto in scontro, secondo una logica del “tanto peggio tanto meglio” che sarebbe deleteria per la Sicilia e i siciliani. Noi ribadiamo la nostra disponibilità a un leale confronto, tuttavia sia chiaro a tutti: i disfattisti, i fautori dello scontro a tutti i costi ed i politicamente codardi “abusatori” del voto segreto in aula sono nemici della Sicilia, e delle loro azioni risponderanno ai siciliani”. 

Il capogruppo all’Ars di Diventerà Bellissima, aggiunge anche che: “Dalle opposizioni ci aspetteremmo proposte costruttive invece che veti pregiudiziali e dannosi ostruzionismi, così come confidiamo nella tenuta della coesione all’interno della maggioranza. Nel primo anno e mezzo di governo Musumeci l’Ars ha già approvato alcune riforme molto attese, ad esempio quelle della burocrazia e degli appalti, ma è innegabile che in questo attuale clima si rischia una situazione di prolungato stallo che nessuno di noi può permettersi”.

“Pertanto, – conclude Aricò – sia nelle Commissioni di merito che in aula confidiamo in un confronto leale e veloce sul Collegato, in modo da poterci dedicare subito dopo all’approvazione del bilancio, della finanziaria e delle altre riforme, in testa quella dei rifiuti relativa a un settore nel quale- grazie al governo Musumeci- la percentuale di raccolta differenziata è già aumentata di ben 17 punti”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.