Ars, audizione in IV commissione su potenziamento aeroporto Lampedusa | VIDEO :ilSicilia.it
Agrigento

IL FATTO

Ars, audizione in IV commissione su potenziamento aeroporto Lampedusa | VIDEO

di
28 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Questa mattina,  la Commissione Ambiente, Territorio e Mobilità dell’Assemblea regionale siciliana, presieduta da Giusi Savarino, è stata impegnata nella discussione della problematica relativa all’area di deposito carburante sito all’interno dell’aeroporto di Lampedusa, posta sotto sequestro dalla Procura della Repubblica di Agrigento, che ha provocato numerosi disservizi in termini di mobilità per i cittadini del luogo.

“In Commissione IV Territorio e Ambiente continuano le audizioni con i vertici di AST Trasporti e AST Aeroservizi in merito alle prospettive di sviluppo d’azienda a beneficio della mobilità su tutto il territorio siciliano”.
A parlare il Presidente della IV Commissione, e deputata regionale di Diventerà Bellissima Giusi Savarino, che prosegue: “il Presidente di AST Trasporti ha ribadito l’impegno fattivo posto in essere per il risanamento della gravosa situazione debitoria ereditata, oltre che le attività di razionalizzazione e gli interventi di riorganizzazione strutturale”.

Durante la riunione si è preso atto delle anomalie e delle irregolarità relativamente alla titolarità e alla gestione dell’area deposito di carburante, oggi oggetto di inchiesta giudiziaria e della conseguente necessità di progettare e realizzare in tempi rapidi un nuovo deposito carburante adeguato alle necessità dello scalo.

E non solo, si è assistito ad una compressione del traffico aereo sull’isola, anche alla luce dei danni al comparto dell’aviazione causati dall’insorgenza dell’epidemia da Covid 19. E vista l’urgenza di tutelare e promuovere il turismo a Lampedusa, oltre che l’importanza di migliorare la capacità  competitiva dello scalo aeroportuale, rivedendo le procedure gestionali nel complesso e mettendo a sistema gli scali sul territorio siciliano, si è discusso per rafforzare la strategia competitiva anche rispetto alle altre mete turistiche del Mediterraneo.

La questione ha suscitato l’attenzione del governo Musumeci  e della IV Commissione legislativa per trovare soluzioni volte a garantire la piena operatività dell’aerostazione e incentivare la ripresa del trasporto aereo, quale servizio di interesse economico, perché lo scalo aeroportuale di Lampedusa rappresenta un elemento fondamentale per il tessuto produttivo e commerciale, ma anche turistico, per i lampedusani e che “la Regione Siciliana deve garantirne lo sviluppo efficiente e sostenibile dal punto di vista economico- finanziario”  attraverso un’opera di implementazione che sviluppi tutte le potenzialità inespresse dell’aeroporto di Lampedusa.

E’ quanto si legge nella proposta di risoluzione, approvata all’unanimità, dell’audizione in Commissione mobilità sulle “prospettive di sviluppo dell’Ast Aeroservizi e potenziamento dell’aeroporto di Lampedusa” alla quale era presente anche il sindaco di Lampedusa, Totò Martello per parlare della grave crisi che sta interessando l’aeroporto dell’isola.

Preso atto che il core business di AST è il trasporto sul gommato, i sequestri giudiziari e le inchieste penali sullo scalo lampedusano creano preoccupazioni. Inoltre il braccio di ferro con ENAC inasprisce una situazione già di per sé complicata – commenta la parlamentare di Sala d’Ercole – va valutata concretamente, senza penalizzare AST, una prospettiva di governance diversa, che non sia l’appendice di qualcos’altro, ma che abbia la missione istituzionale esclusiva di gestire l’aeroporto lampedusano.
Rispetto all’area deposito carburante oggi sotto sequestro, sono lampanti le irregolarità sia amministrative che ambientali e non possiamo più tollerare che a un’isola che vive di turismo vengano mozzate le gambe proprio in piena stagione estiva”.

Queste necessità impegnano l’assessorato regionale per le infrastrutture e la mobilità ad elaborare, di concerto con i vertici dell’Ast, un piano industriale che garantisca la continuità delle attività dell’aeroporto di Lampedusa e che sia capace di mettere a sistema le sinergie con gli  altri scali siciliani, avendo cura di  assicurare  un  disegno  strategico  unitario nell’ottica di  garantire  un   incremento dei  flussi  turistici nazionali e internazionali a tutela dell’economia locale per la valorizzazione dell’isola.

Importante interloquire con gli altri soggetti pubblici competenti per verificare le modalità attraverso cui la gestione dell’aeroporto di Lampedusa possa eventualmente essere affidata a un soggetto diverso da AST trasporti; adottare tutte le misure necessarie a intraprendere un percorso di sviluppo virtuoso di sinergie industriali nel settore del traffico aereo nella Regione Siciliana, tramite l’individuazione di una società controllata o a prevalente partecipazione pubblica, anche indiretta , che abbia la missione istituzionale esclusiva di gestire l’aeroporto di Lampedusa. Ma anche disciplinare le modalità di costituzione di società di gestione prevedendo che sia redatto un piano  di  sviluppo e ampliamento del traffico,  anche gestito attraverso programmi  di destagionalizzazione dell’ offerta.

Avevo promesso di mettere in pratica tutte le azioni finalizzate al miglioramento della capacità competitiva dello scalo aeroportuale dell’isola di Lampedusa. Va in questa direzione la risoluzione che abbiamo presentato in IV Commissione, con la quale si impegna il Governo regionale – conclude Giusi Savarino –  a intraprendere un percorso di sviluppo virtuoso di sinergie nel settore del traffico aereo che coinvolga anche l’aeroporto di Lampedusa, così da evitare disfunzioni e svilupparne tutte le potenzialità inespresse”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin