Ars, c'è il calendario per la Manovra. Ma si chiede al governo di valutare l'esercizio provvisorio :ilSicilia.it

Il dibattito in Aula

Ars, c’è il calendario per la Manovra. Ma si chiede al governo di valutare l’esercizio provvisorio

27 Dicembre 2018

La conferenza dei capigruppo all’Ars ha stabilito il calendario per il voto della manovra finanziaria regionale, ma sul governo pende la richiesta da parte del Parlamento di valutare l’esercizio provvisorio. Secondo quanto riferito dal Presidente dell’Ars Gianfranco Micciché, il calendario prevede che le commissioni di merito concludano l’esame dei documenti finanziari entro il 4 gennaio, la commissione di Bilancio entro il 10, così da fare approdare in Aula la manovra il giorno successivo (alle 16). Il termine per la presentazione degli emendamenti è invece stabilito per le ore 20 del 12 gennaio. Si voterebbe l’articolato a partire dalle 15 del 14 gennaio, così da arrivare all’approvazione in tempo per evitare l’esercizio provvisorio. Ma tra passaggi agli uffici per stilare le tabelle e discussione in Aula sulla manovra, su questa possibilità pende più di un dubbio.

Armao
Gaetano Armao

Tra i componenti del governo, però, c’è chi ostenta sicurezza, come l’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao: “Il nostro intendimento è l’approvazione tempestiva. Se c’è la volontà di allungare i tempi, ognuno si assumerà le proprie responsabilità“, sono le parole del vicepresidente della Regione”.

In Aula, però, al 31 dicembre, proprio secondo il calendario dettato dalla conferenza dei capigruppo, non ci saranno né manovra, né esercizio provvisorio, per questo le opposizioni hanno attaccato la coalizione di governo. “Voterò contro questo calendario – ha detto in Aula Giuseppe Lupo, capogruppo del Pd – per tre ragioni. La prima: trovo opportuno dare modo alle commissioni di stilare un calendario di ascolto. Il Parlamento ha il dovere di ascoltare, non solo di proporre, per avanzare il disegno di legge più opportuno. La seconda ragione: ci ritroveremo ad avere un ddl non incardinato, né

Giuseppe Lupo
Giuseppe Lupo

di esercizio provvisorio, né legge di stabilità. In passato il ddl di esercizio provvisorio ha garantito continuità di copertura legislativa e di spesa. Oggi trovo irrituale e rischiosa questa condotta del governo perché espone a rischi agli abitanti di questa regione. Penso alle garanzie di copertura contrattuale per i lavoratori che hanno contratti a termine con i comuni. La terza ragione – ha affermato ancora Lupoè che il governo ci aveva detto che l’accordo Stato-Regione avrebbe consentito di diluire in più annualità il disavanzo di esercizio. Comprendiamo le necessità delle popolazioni colpite dal terremoto, alle quali siamo vicini, ma l’esecutivo regionale aveva annunciato l’intenzione di esporre i contenuti dell’accordo, che immagino abbiano effetti su manovra di bilancio che su legge di stabilità“. Lupo chiosa: “Non è possibile lasciare la Sicilia scoperta di legge di bilancio e di esercizio provvisorio. Se il governo pensa di farlo è irresponsabile“.

Giuseppe Milazzo

Di avviso diverso Giuseppe Milazzo, capogruppo di Forza Italia a sala d’Ercole: “Il governo ha tracciato un percorso – ha detto – se gli esercizi provvisori fossero una bella cosa ne faremmo uno al mese. Il governo è convinto di potersi dotare della legge di stabilità, di una legge definitiva, con immediatezza.”.

“Abbiamo anche chiesto al governo quale potesse essere un termine ultimo“, e adesso c’è il calendario che stabilisce un percorso chiaro, è la deduzione di Milazzo.

Alla fine, a fare da mediatore ci ha pensato l’assessore regionale Toto Cordaro (la cui proposta è stata avallata dal presidente dell’Aula Micciché), che ha chiesto di rinviare a al 28 dicembre la decisione sull’esercizio provvisorio, dopo il confronto con Nello Musumeci, che domani dovrebbe essere in Aula. A quel punto, dal confronto tra il Parlamento, il capo del governo e l’esecutivo regionale, dovrebbe venir fuori un calendario definitivo e la decisione sulla presentazione del ddl esercizio provvisorio.

L’Aula è convocata per il 28 dicembre alle 16.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.