Ars, da Roma riflettori puntati sul M5S. Nuovo gruppo parlamentare alle porte :ilSicilia.it

lotta fratricida tra moderati e oltranzisti

Ars, da Roma riflettori puntati sul M5S. Nuovo gruppo parlamentare alle porte

di
28 Gennaio 2020

Gli occhi di Roma sono puntati sul Movimento 5 Stelle in Sicilia. Ed in particolare sul gruppo parlamentare di Palazzo dei Normanni. E’ oramai notizia certa che una lotta politica fratricida divide in due schieramenti i deputati grillini dell’Ars. Da un lato gli oltranzisti, dall’altro i moderati, più una fetta di grillini che osserva attentamente su quale versante del fiume è più opportuno immergersi.

I risultati delle ultime elezioni regionali in Calabria e in Emilia Romagna non sono un buon segno per un partito che in pochi anni, in termini di consenso elettorale, ha fatto evaporare milioni di voti.

Ma guai elettorali a parte, i deputati regionali in questi giorni dovranno cercare di sbrogliare la matassa dei loro dissidi. Con quattro o cinque deputati guidati da Sergio Tancredi pronti a sfilarsi e far nascere un nuovo gruppo parlamentare più dialogante con il governo Musumeci. Il gomitolo delle divergenze politiche doveva essere sciolto ieri pomeriggio (27 gennaio ndr). Ma Tancredi, che avrebbe dovuto chiarire la propria posizione, non era presente nelle stanze del gruppo di Palazzo dei Normanni.

A quanto pare, gli impegni personali del deputato di Mazara del Vallo hanno impedito l’avvio della discussione politica interna. Oggi si deciderà il da farsi. Ma il clima è teso e molto delicato. Una mossa errata da parte di una delle due fazioni potrebbe far saltare in aria una bomba ad orologeria che recherebbe ancora più danno alla triste situazione attuale del partito di Beppe Grillo. Il quale proprio ieri ha dichiarato che per problemi di salute non potrà essere in Sicilia per i suoi due spettacoli. Qualcuno crede che la batosta elettorale è il vero problema della sua rinuncia.

E mentre il Movimento 5 Stelle si scioglie come neve al sole, in Sicilia un dato è certo: cinque deputati del gruppo parlamentare hanno già un piano b.

La tavola è già apparecchiata con il benestare di diversi parlamentari di Roma, tra i dissidenti e i ‘cacciati’ del Movimento 5 stelle. Un nuovo gruppo parlamentare è alle porte e potrebbe avere un filo conduttore molto più ampio rispetto alle mura di cinta di Palazzo dei Normanni. L’asse portante del nuovo schieramento potrebbe arrivare nel Capoluogo trascinandosi dietro la base del partito del Movimento 5 stelle e di numerosi meet up che chiederebbero a gran voce la riaffermazione degli antichi valori per cui è nato il partito di Casaleggio. Una sorta di re-start del movimento attraverso un nuovo leader. Un movimento marchiato a fuoco dal senatore espulso dal m5s Gianluigi Paragone con in più l’apporto del filosofo Diego Fusaro potrebbe essere la strada maestra.

Proprio il giornalista ex grillino osserva con molta attenzione da lontano i movimenti del gruppo parlamentare in Ars. Pare che abbia già dato la sua benedizione all’ipotetica nascita di un nuovo gruppo parlamentare. Ma la strada è lunga e piena di insidie. Se gli oltranzisti al posto dei No politici dovessero tendere la mano ai moderati, il Movimento 5 stelle posticiperà la fine di un’era che è già segnata dalla storia politica di questi mesi. Viceversa, decreteranno l’esecuzione immediata del gruppo parlamentare come la fine del Re di Francia Luigi XVI.

LEGGI ANCHE:

Verso la scissione nel Movimento 5 Stelle all’Ars: “Basta con i diktat e i no”

Ars, che succede nel Movimento 5 Stelle? Si parla di possibili abbandoni di deputati

“Movimento 5 Stelle addio”, lascia anche un parlamentare siciliano

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.