Ars, ddl a rilento tra mille emendamenti: uno potrebbe salvare Decathlon a Palermo :ilSicilia.it

lavori a sala d'Ercole

Ars, ddl a rilento tra mille emendamenti: uno potrebbe salvare Decathlon a Palermo

di
29 Luglio 2020

Il disegno di legge dell’urbanistica approdato a sala d’Ercole va a rilento. Zavorrato da mille emendamenti che propongono di tutto, sono l’ordine del giorno che dettato i lavori d’Aula. Tra i tanti emendamenti c’è anche la proposta di consentire cambi di destinazione d’uso facili anche per realizzare attività ricettive e commerciali. Per molti, questo ddl difeso dall’assessore all’ambiente Toto Cordaro è una vera e propria sanatoria edilizia.

Nel frattempo sembra che le procure in Sicilia abbiano già firmato migliaia di decreti di demolizione di immobili abusivi in gran parte a ridosso della costa. E intanto più di 200mila siciliani che hanno presentato numerose domande per sanare alcuni abusi. Tecnicamente ad oggi la legge regionale prevede nelle aree con vincoli scaduti, soltanto la ristrutturazione dell’esistente cambio di destinazione qualora sia idoneo con l’area circostante. Proprio ieri pomeriggio (29 luglio ndr) un emendamento presentato dal deputato di Italia Viva, Edi Tamajo ha fatto drizzare i capelli all’opposizione.

Votato oggi l’emendamento che prevede la possibilità del cambio di destinazione d’uso degli immobili realizzati prima del 1976 senza dover ricorrere al complesso procedimento della variante urbanistica. In questo modo, si recupereranno diverse aree della Sicilia che fin d’ora , anche per dubbi interpretativi da parte di molti Comuni, non sono state adeguatamente valorizzate e versano in uno stato annoso di degrado. Si sottolinea che la norma appena approvata non muta le volumetrie regolari e preesistenti, prevenendo ulteriori consumo di suolo, migliorando le condizioni di sviluppo in diverse aree geografiche della nostra Sicilia”.  Afferma Tamajo.

Per alcuni non è altro che un emendamento mirato al cambio di destinazione d’uso dell’ex stabilimento Coca Cola a Partanna Mondello nel quale doveva sorgere Decathlon. Proprio il comune grazie a questo emendamento non avrebbe necessita di cambiare alcuna variante al piano regolatore. Problema che ha stoppato appunto la creazione del centro commerciale a Partanna Mondello.

Sala d’Ercole va a rilento e si pensa che il ddl non verrà approvato entro l’estate. “Siamo contrari all’emendamento approvato al deputato Tamajo. Noi ci auguriamo che non ci siano altri emendamenti che stravolgano la legge. Noi siamo stati favorevoli in commissione ambiente in merito al ddl urbanistica, ma noi siamo pronti a cambiare idea nel momento in cui questo disegno di legge non sarà più a tutela del territorio siciliano”. Afferma il deputato Giampiero Trizzino del M5S.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin