Ars, Ddl di Diventerà Bellissima: “Nessuna via o piazza intitolata a garibaldini stragisti” :ilSicilia.it

il disegno di legge a firma dei deputati regionali

Ars, Ddl di Diventerà Bellissima: “Nessuna via o piazza intitolata a garibaldini stragisti”

di
15 Maggio 2021

Nessuna via, piazza o struttura pubblica della Sicilia resti intitolata a quegli ufficiali garibaldini che si macchiarono di stragi contro la popolazione siciliana: è quanto richiesto da un disegno di legge a firma di Alessandro Aricò, Giorgio Assenza, Pino Galluzzo, Giusi Savarino e Giuseppe Zitelli, deputati regionali di DiventeràBellissima, che prevede l’istituzione presso l’Assessorato degli Enti Locali di una “Commissione di verifica dei nominativi” con l’obiettivo di individuare tra gli Ufficiali delle truppe garibaldine presenti in Sicilia nel periodo 1860-1870 coloro che si sono macchiati di efferati massacri di civili. In base al ddl, i Comuni dovranno sostituire dalla toponomastica quei nominativi con altri scelti tra le vittime dei massacri.

Aricò, Assenza, Galluzzo, Savarino e Zitelli sottolineano: “In Sicilia abbiamo ben 106 strade e piazze intitolate a massacratori di Siciliani inermi, un insulto alla memoria di migliaia di vittime innocenti. L’avventura garibaldina ha rappresentato sempre una terribile contraddizione tra ciò che la storiografia ufficiale racconta e la realtà dei fatti. Se, infatti, lo sbarco di Garibaldi è stato il preludio della nascita dello Stato italiano, è anche vero che durante l’avanzata in Sicilia delle truppe garibaldine ci sono stati pure vergognosi atti nei confronti di interi Paesi. Alcuni generali garibaldini, infatti, repressero le rivolte contadine con atti di guerra nei confronti della popolazione civile: si distinsero per la loro ferocia, ad esempio, Nino Bixio, Pietro Quintino, Raffaele Cadorna, Giuseppe De Villalta ed Enrico Cialdini”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin