Ars, due mesi di attesa e due ore per approvare il 'collegato'. Sì alla fusione tra Crias e Ircac | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Ars, due mesi di attesa e due ore per approvare il ‘collegato’. Sì alla fusione tra Crias e Ircac

28 Giugno 2018

Il centrodestra ritrova i numeri e approva la legge stralcio dell’ultima finanziaria regionale.

La norma più rilevante del documento prevede la fusione fra Ircac (Istituto regionale per il credito alla cooperazione) e Crias (Cassa regionale per il credito alle imprese artigiane siciliane) con 33 voti a favore e 27 contrari.  Centrato dunque l’obiettivo fortemente voluto dal vicepresidente della Regione Gaetano Armao.

Critico il deputato del Pd Antonello Cracolici: “Il ddl ‘collegato’? E’ un elenco di marchette del governo Musumeci”, mentre il capogruppo dem ha commentato: “fusione Ircac-Crias? Non è riforma, è solo uno spot”. Per il capogruppo di #diventeràbellissima Alessandro Aricò  invece : “sono stati approvati provvedimenti di buon senso e invece di sterili ed immotivate polemiche ci saremmo aspettati da tutti un confronto costruttivo”.

Nel corso della seduta di ieri inoltre l’Ars ha eletto due nuovi componenti del Consiglio di Presidenza dopo che la recente modifica del regolamento parlamentare ha elevato da tre a cinque il numero dei Deputati Segretari, in modo da consentire la rappresentanza di tutti i gruppi parlamentari. I due nuovi componenti sono Gaetano Galvagno del gruppo di Fratelli d’Italia che ha ottenuto 20 voti ed Edy Tamajo di Sicilia Futura al quale sono andati 16 voti. Un altro parlamentare di Fratelli d’Italia, Elvira Amata, ha ottenuto 19 voti ma non è stata eletta perché non può essere eletto più di un deputato segretario per gruppo parlamentare.

Si è chiusa così una pagina complicata in cui, in più occasioni, la maggioranza  ha’ sbandato’ su sè stessa ed è stata costretta a mettere fuori, con norme che devono ancora trovare una soluzione parlamentare  come quella dell’Ente sviluppo agricolo, da riorganizzare alla fine della sintesi da trovare tra Palazzo d’Orleans e FI e quella sulla riforma degli IACP.

Adesso il parlamento siciliano tornerà a confrontarsi con i disegni di legge sui rifiuti con la proposta del governo e quella presentata dai 5stelle e con il ddl pesca.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.