Ars... E scoppiò l'amore fra la deputata regionale 5Stelle e l'esponente del centrodestra | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Le frecce di Cupido colpiscono in modo inatteso

Ars… E scoppiò l’amore fra la deputata regionale 5Stelle e l’esponente del centrodestra

27 Maggio 2018

E scoppiò l’amore fra la deputata grillina e un autorevole esponente della maggioranza del governo regionale di centrodestra guidato da Nello Musumeci.

Galeotta fu l’Ars, potrebbe dirsi, l’Assemblea regionale siciliana, dove – fra un’interrogazione e una noiosa seduta sul bilancio – sarebbe sbocciata una love story fra una parlamentare regionale del Movimento 5 stelle e un noto politico della coalizione di centrodestra.

Sono ben lontani i toni della campagna elettorale, quando i grillini siciliani tuonavano contro Musumeci e i suoi: dalle accuse si è passato all’amore! Sì, perché… L’amore vince sempre! E oltrepassa le differenze, le barriere ideologiche e le diverse posizioni politiche in campo.

Niente paura, nessun inciucio all’orizzonte fra il Movimento 5 stelle e il centrodestra siciliano, ma solo amore puro fra due persone maggiorenni e vaccinate. E del resto, anche nel parlamento nazionale, in passato, è accaduto che deputati di opposti schieramenti si siano guardati con gli occhietti a cuore e abbiano finito con l’innamorarsi a vicenda. Altro che “Aula sorda e grigia” come tuonava qualcuno in tempi ormai andati a proposito del parlamento: quello siciliano, almeno, si conferma vivace e pronto ad accogliere le frecce di Cupido.

Chi sono i due piccioncini? Adesso volete sapere troppo. Un fatto è riportare una notizia curiosa e inusuale (ma comunque positiva), un altro è ficcare il naso… Auguri, intanto, ai due innamorati.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.