Ars, ecco quanto hanno lavorato le commissioni nel 2018 :ilSicilia.it

Tutti i numeri

Ars, ecco quanto hanno lavorato le commissioni nel 2018

di
5 Febbraio 2019

Quanto hanno lavorato le commissioni all’Ars nel 2018? Chi ha lavorato di più a Palazzo dei Normanni? Per rispondere alla domanda occorre dare un’occhiata alla Relazione sullo Stato dell’amministrazione dell’Assemblea per il 2018 (anche se all’appello manca il mese di dicembre).

Oltre alle sei Commissioni permanenti e all’Antimafia, sono state istituite la cosiddetta commissione per la riforma dello Statuto e quella sul randagismo. Si aggiunge a queste la commissione per l’esame dell’attività dell’Ue. Vediamo, dunque, quanto hanno lavorato le commissioni durante l’anno scorso.

La commissione che ha lavorato di più all’Ars è la seconda, la commissione Bilancio presieduta dal forzista Riccardo Savona, che si è riunita 78 volte (su 91 convocazioni). Dieci i ddl esitati e divenuti legge, mentre sono stati richiesti nove pareri dal governo, tutti forniti dalla commissione.

Molto distante il ‘fanalino di coda’, la commissione speciale per il randagismo presieduta da Tommaso Calderone, con 7 convocazioni, che però, oltre a essere una commissione speciale, ha la giustificazione dei essere stata istituita durante il corso dell’anno.

Al secondo posto per numero di sedute svolte si piazza la commissione Ambiente e territorio, presieduta da Giusi Savarino di Diventerà Bellissima. L’assise si è riunita sessantasei volte ed è stata impegnata soprattutto nell’esame nella riforma della gestione dei rifiuti. La Commissione ha reso sette pareri sulle parti di competenza di disegni di legge.

Proficuo il lavoro della Prima commissione, Affari istituzionali, presieduta da Stefano Pellegrino si è riunita 56 volte e esitato per l’Aula dodici ddl. Di questi, sette sono divenuti leggi regionali. A seguire, la Sesta commissione, che si occupa di salute ed è presieduta dall’Udc Margherita La Rocca Ruvolo. Sono state 67 le sedute svolte (su 69 convocazioni), con un ddl divenuto legge e tre pareri forniti al governo.

Sono 55 invece le volte in cui si è riunita la Terza commissione, la Attività produttive, che era invece stata convocata 62 volte. anche in questo caso un ddl è divenuto legge, mentre sono stati forniti due pareri a fronte di sei richieste. Dati molto vicini a quelli della quinta commissione, che si occupa di cultura, formazione professionale e lavoro, ed è presieduta da Luca Sammartino. In questo caso si sono svolte 54 sedute su 60 convocate, con un ddl che è diventato legge e due pareri forniti sui quattro richiesti.

Sono state 44, invece, le sedute per la commissione Ue presieduta da Giuseppe Compagnone. Per quanto concerne le commissioni speciali, oltre a quella sul randagismo di cui si è già detto, i numeri parlano di 48 sedute per la commissione Antimafia presieduta da Claudio Fava,  e di 15 sedute per la commissione per la modifica dello Statuto, presieduta da Elvira Amata.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.