Ars, ecco tutti i disegni di legge che attendono la discussione dell'Aula :ilSicilia.it

Sala d'Ercole si riunirà il 7 maggio

Ars, ecco tutti i disegni di legge che attendono la discussione dell’Aula

6 Maggio 2019

Si ritorna a lavorare a Sala d’Ercole. Tanti i disegni di legge che attendono l’ok dei deputati regionali, con i lavori che a Palazzo dei Normanni, tra difficoltà a trovare i numeri per la maggioranza e festività in calendario, sono proceduti a rilento nelle ultime settimane.

Alla ripresa, il disegno di legge sulla funzionalità amministrativa sarà il primo punto all’ordine del giorno all’Assemblea regionale siciliana, che tornerà a riunirsi martedì 7 maggio. La discussione in Aula sarà preceduta dalla commemorazione dell’onorevole Gianni Parisi, già segretario regionale del Partito Comunista, recentemente scomparso. Si tratta di un disegno di legge particolarmente importante, la cui approvazione è stata più volte sollecitata da diverse parti politiche.

Ma non è il solo. All’ordine del giorno, infatti, sono tanti i ddl che sono stati inseriti e che attendono l’ok dall’Aula. C’è, per esempio, il disegno di legge sul diritto allo studio, relatore il presidente della commissione Cultura Luca Sammartino. E nell’elenco di quelli già pronti per la discussione dell’Aula ci sono anche le norme per la salvaguardia della cultura e delle identità marine e per la promozione dell’economia del mare, con la disciplina della pesca mediterranea in Sicilia.

Uno dei disegni di legge di maggiore valenza ad attendere la discussione di Sala d’Ercole è quello  che contiene la riforma degli ambiti territoriali ottimali, i cosiddetti Ato, e le nuove disposizioni per la gestione integrata dei rifiuti. Infine, ad attendere l’ok dell’Aula anche il ddl contente norme per lo sviluppo del turismo nautico e la disciplina dei marina resort.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.