Ars, Forza Italia: “Piena fiducia ai nostri assessori regionali e al presidente Musumeci" :ilSicilia.it

L'azione del partito azzurro siciliano

Ars, Forza Italia: “Piena fiducia ai nostri assessori regionali e al presidente Musumeci”

di
21 Aprile 2021

Si è appena conclusa la riunione di partito convocata a Palazzo dei Normanni dal Presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè per delineare l’azione politica a cui tutto il movimento azzurro deve adeguarsi.

È vero che dopo l’approvazione della Legge di Stabilità regionale è emersa qualche tensione. Ma è pur vero che Forza Italia resta il partito di riferimento della coalizione di maggioranza, per tale motivo ribadiamo una certezza: andare avanti, insieme al commissario regionale Gianfranco Miccichè, assicurando piena fiducia sia a tutti gli assessori di Forza Italia all’interno della squadra di Governo che al Presidente Musumeci”.

Lo affermano in una nota congiunta i firmatari Tommaso Calderore, Capogruppo di Forza Italia all’ARS, i deputati regionali Riccardo Gallo, Margherita La Rocca Ruvolo, Luisa Lantieri, Riccardo Savona, Michele Mancuso, Bernardette Grasso, Mario Caputo, Alfio Papale, Daniela Ternullo, Marianna Caronia e gli assessori regionali Toni Scilla e Marco Zambuto.

A conclusione della riunione del gruppo parlamentare di Forza Italia, che in un documento ha ribadito la fiducia al leader Gianfranco Miccichè (mancano solo le firme di Marco Falcone e Stefano Pellegrino), fonti del partito informano che domani è in programma un incontro tra gli azzurri e il governatore Nello Musumeci.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin