Ars, Fratelli d'Italia e Forza Italia uniti: "Salviamo i territori colpiti dal maltempo" :ilSicilia.it
Palermo

VERTICE ALLA REGIONE

Ars, Fratelli d’Italia e Forza Italia uniti: “Salviamo i territori colpiti dal maltempo”

di
27 Dicembre 2019

I deputati Antonio Catalfamo e Tommaso Calderone, rispettivamente capogruppo all’Ars per Fratelli d’Italia e per Forza Italia, fanno sapere congiuntamente che oggi si recheranno presso gli uffici competenti della Regione per “fare da raccordo tra i comuni coinvolti nei danni del maltempo e i preposti organi competenti a livello regionale”.

Ci siamo da subito attivati per stimolare l’avanzamento della procedura attivata dai comuni costieri tirrenici richiedenti la dichiarazione di stato di calamità naturale dopo i danni della burrasca dei giorni 22 e 23 dicembre.

Questo delicato passaggio di protocolli prevede che i Comuni siano parte richiedente, la Regione soggetto accertante lo stato di calamità, da confermare successivamente in sede ministeriale.

Occorre dare risposte al nostro territorio, da Capo d’Orlando a Piraino, Gioiosa Marea, Barcellona, Terme Vigliatore, Barcellona e Milazzo. I danni causati dalla burrasca di maestrale e dal mare in tempesta sono stati considerevoli e hanno distrutto non soltanto il litorale ma anche numerose attività, coltivazioni, abitazioni.

Lo stato di emergenza può essere dichiarato al verificarsi o nell’imminenza di calamità naturali o eventi connessi all’attività dell’uomo in Italia. Il Codice della Protezione Civile (Decreto legislativo n. 1 del 2 gennaio 2018), ridefinisce la durata dello stato di emergenza di rilievo nazionale, portandola a un massimo di 12 mesi, prorogabile di ulteriori 12 mesi.

La delibera dello stato di emergenza stanzia l’importo per realizzare i primi interventi. Ulteriori risorse possono essere assegnate, con successiva delibera, a seguito della ricognizione dei fabbisogni realizzata dai Commissari delegati. Nella delibera viene indicata anche l’amministrazione pubblica competente in via ordinaria che subentra nelle attività per superare definitivamente le criticità causate dall’emergenza.

“Ci sono diverse fasi delicate in questo processo. La speranza e’ che, grazie anche alla solerzia con la quale il Presidente dell’Assemblea Regionale Gianfranco Micciché si sta interessando alla questione – hanno dichiarato i due deputati barcellonesi – tutto possa avvenire il più celermente possibile compatibilmente con i tempi imposti dall’ordinamento. Ringraziamo il Presidente Micciché – concludono i due deputati – per aver mostrato la giusta sensibilità istituzionale nei confronti del nostro comprensorio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco