13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.00

Sala d'Ercole tornerà a riunirsi giovedì

Ars, grandi manovre per allargare la maggioranza in vista della sessione di bilancio

3 Dicembre 2018

L’Ars si concede un po’ di tempo prima di passare alla sessione di bilancio, con i deputati regionali che torneranno in Aula soltanto giovedì. E forse si proverà a cercare anche un po’ di serenità, dopo che l’annuncio della calendarizzazione del voto del ddl sulle variazioni di bilancio da parte del Presidente Gianfranco Micciché aveva suscitato più di un malumore a Sala d’Ercole, con le proteste delle opposizioni.

In questo quadro si inserisce la necessità da parte della coalizione di governo di ‘allargare‘ la platea di chi sarà disponibile a votare i provvedimenti d’Aula, visto che la maggioranza, come lo stesso Presidente della Regione Nello Musumeci ha ammesso qualche tempo fa, non c’è. Pochi giorni fa, intanto, dal governo sono arrivate le nomine dell’ex Presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone e dell’avvocato Nino Caleca al Consiglio di Giustizia Amministrativa.

Giovanni Ardizzone
Giovanni Ardizzone

Due figure esterne al centrodestra. Il primo, il messinese Ardizzone, è stato presidente dell’Assemblea regionale siciliana durante la scorsa legislatura. Eletto in quota Udc, ha seduto sullo scranno più alto di Sala d’Ercole quando a governare era Rosario Crocetta e, soprattutto, quando i centristi erano maggioranza nel governo di centrosinistra. La nomina di Ardizzone, insomma, potrebbe rappresentare un ‘tentativo di interlocuzione’ con le parti dell’opposizione più centriste in vista della sessione di bilancio, sebbene – quasi per uno scherzo del destino – siano arrivate proprio dall’Udc, oggi con in coalizione con il centrodestra, alcuni degli attacchi più duri alla gestione dell’Aula da parte di Gianfranco Micciché (citofonare a Vincenzo Figuccia per farsi un’idea). E molti hanno notato come due sabati fa nella kermesse di Cefaù, al Costa verde, non ci fossero esponenti di spicco del partito a salutare il progetto di Saverio Romano, Roberto Lagalla e Toto Cordaro in vista delle elezioni Europee.

Avv. Nino Caleca
Nino Caleca

Nino Caleca di Rosario Crocetta è stato assessore. Gradito sia al centrodestra che al centrosinistra, la sua area di riferimento è comunque quest’ultima (da giovane è stato dirigente del Pci). In passato vicino a Totò Cardinale, la sua nomina potrebbe essere l’abboccamento per gli uomini dell’ex ministro, che oggi, con Sicilia Futura, può contare su due deputati all’Ars, Edy Tamajo e Nicola D’Agostino. E di questi tempi, sono numeri che dalle parti del centrodestra farebbero comodo, quantomeno in vista della Finanziaria.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.