Ars, i lavori di Sala d'Ercole dopo il primo maggio: rifiuti, beni confiscati e sviluppo montano :ilSicilia.it

L'ordine del giorno di Palazzo dei Normanni

Ars, i lavori di Sala d’Ercole dopo il primo maggio: rifiuti, beni confiscati e sviluppo montano

di
1 Maggio 2021

Rifiuti, beni confiscati alla mafia e sviluppo montano sono tra le questioni calendarizzate da Sala D’Ercole, i cui relativi disegni di legge, al centro del dibattito parlamentare dello scorso 28 aprile, saranno discussi il prossimo 4 maggio.

La “Riforma degli ambiti territoriali ottimali e nuove disposizioni per la gestione integrata dei rifiuti” (nn. 290-49-76-179-267 bis/A) che hanno a che vedere con quel complesso delle attività volte ad ottimizzare lo smaltimento dei rifiuti, puntando sull’efficacia, in termini di riduzione dello spreco (in particolare di risorse naturali e di energia) e di limitazione dei pericoli per l’ambiente e la salute. Rappresenta il tema caldo di quest’ultimi giorni, in cui le opposizioni (PD, Cento Passi e M5S) non hanno risparmiato polemiche sulla governance riguardante il sistema di gestione dei rifiuti urbani in Sicilia, soprattutto rispetto alla dotazione impiantistica.

E sui beni confiscati alla mafia, il Partito Democratico siciliano ha depositato al Parlamento regionale un’apposita proposta di legge, redatta in 11 articoli, per disciplinare la materia degli immobili sequestrati alla criminalità organizzata, cercando di risolvere le criticità sotto il profilo dell’elaborazione di una normativa organica in materia, sempre nel rispetto del principio di competenza statale e regionale.

L’iniziativa legislativa propone la previsione, nell’ordinamento giuridico regionale, specifici istituti e misure di supporto attivo per le aziende e i soggetti che ottengono in assegnazione i beni, individuando i criteri di progettualità per promuovere e sostenere il riutilizzo sociale degli immobili interessati.

Se poi si guarda alla Rubrica Turismo, all’ordine del giorno dell’Assemblea regionale siciliana, della prossima seduta, vi è la discussione del disegno di legge “Norme in materia di aree sciabili e di sviluppo montano”, questione ampiamente trattata dai deputati di DiventeràBellisisma.

A livello statale è cambiata la normativa di riferimento, ma è subentrato un decreto più aggiornato, che è del Governo Draghi, per cui il parlamento siciliano ha già stilato degli emendamenti che recepiscono questa novella legislativa del Governo nazionale al fine di coordinare gli interventi legislativi dei livelli statale e regionale.

Del resto, la Regione Siciliana recepisce, finalmente, il dettato normativo emanato dal legislatore nazionale, per ciò che riguarda la sicurezza sugli sci, servendo anche a riorganizzare tutto un sistema con delle criticità che erano state segnalate su Piano Battaglia fermo da due anni a causa di carenti impianti di risalita, ricordandola come località di villeggiatura e di sport invernali per eccellenza, situata nelle Madonie, accompagnata da altra area particolarmente votata che è l’Etna.

Il ddl, prossimamente dibattuto in aula, guarda così al settore degli sport invernali in una forma innovativa di utilizzo e di valorizzazione delle aree montane dell’Isola, considerando che sviluppo montano e sport, insieme sono potenzialmente ottimo volano di turismo e, di riflesso, anche economico per le comunità interessate, soprattutto in tempi di pandemia da Coronavirus.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco