Ars, i lavori di Sala d'Ercole dopo il primo maggio: rifiuti, beni confiscati e sviluppo montano :ilSicilia.it

L'ordine del giorno di Palazzo dei Normanni

Ars, i lavori di Sala d’Ercole dopo il primo maggio: rifiuti, beni confiscati e sviluppo montano

di
1 Maggio 2021

Rifiuti, beni confiscati alla mafia e sviluppo montano sono tra le questioni calendarizzate da Sala D’Ercole, i cui relativi disegni di legge, al centro del dibattito parlamentare dello scorso 28 aprile, saranno discussi il prossimo 4 maggio.

La “Riforma degli ambiti territoriali ottimali e nuove disposizioni per la gestione integrata dei rifiuti” (nn. 290-49-76-179-267 bis/A) che hanno a che vedere con quel complesso delle attività volte ad ottimizzare lo smaltimento dei rifiuti, puntando sull’efficacia, in termini di riduzione dello spreco (in particolare di risorse naturali e di energia) e di limitazione dei pericoli per l’ambiente e la salute. Rappresenta il tema caldo di quest’ultimi giorni, in cui le opposizioni (PD, Cento Passi e M5S) non hanno risparmiato polemiche sulla governance riguardante il sistema di gestione dei rifiuti urbani in Sicilia, soprattutto rispetto alla dotazione impiantistica.

E sui beni confiscati alla mafia, il Partito Democratico siciliano ha depositato al Parlamento regionale un’apposita proposta di legge, redatta in 11 articoli, per disciplinare la materia degli immobili sequestrati alla criminalità organizzata, cercando di risolvere le criticità sotto il profilo dell’elaborazione di una normativa organica in materia, sempre nel rispetto del principio di competenza statale e regionale.

L’iniziativa legislativa propone la previsione, nell’ordinamento giuridico regionale, specifici istituti e misure di supporto attivo per le aziende e i soggetti che ottengono in assegnazione i beni, individuando i criteri di progettualità per promuovere e sostenere il riutilizzo sociale degli immobili interessati.

Se poi si guarda alla Rubrica Turismo, all’ordine del giorno dell’Assemblea regionale siciliana, della prossima seduta, vi è la discussione del disegno di legge “Norme in materia di aree sciabili e di sviluppo montano”, questione ampiamente trattata dai deputati di DiventeràBellisisma.

A livello statale è cambiata la normativa di riferimento, ma è subentrato un decreto più aggiornato, che è del Governo Draghi, per cui il parlamento siciliano ha già stilato degli emendamenti che recepiscono questa novella legislativa del Governo nazionale al fine di coordinare gli interventi legislativi dei livelli statale e regionale.

Del resto, la Regione Siciliana recepisce, finalmente, il dettato normativo emanato dal legislatore nazionale, per ciò che riguarda la sicurezza sugli sci, servendo anche a riorganizzare tutto un sistema con delle criticità che erano state segnalate su Piano Battaglia fermo da due anni a causa di carenti impianti di risalita, ricordandola come località di villeggiatura e di sport invernali per eccellenza, situata nelle Madonie, accompagnata da altra area particolarmente votata che è l’Etna.

Il ddl, prossimamente dibattuto in aula, guarda così al settore degli sport invernali in una forma innovativa di utilizzo e di valorizzazione delle aree montane dell’Isola, considerando che sviluppo montano e sport, insieme sono potenzialmente ottimo volano di turismo e, di riflesso, anche economico per le comunità interessate, soprattutto in tempi di pandemia da Coronavirus.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.