Ars, il Governo fa retromarcia sui dirigenti :ilSicilia.it

durante l'approvazione del Collegato

Ars: il Governo fa retromarcia sui dirigenti

di
23 Luglio 2019

Torna a Sala D’Ercole l’articolo 6 del ‘Collegato‘ riguardante le assunzioni alla Regione Siciliana ed altre norme riguardante il personale. In primis il reclutamento dei dirigenti esterni nei limiti dell’8%. Il tema è stato abbastanza caldo nelle scorse discussioni in aula, tanto che il governatore Musumeci nella scorsa discussione in aula, aveva deciso di ‘stralciare’ temporaneamente l’articolo, in attesa di capire come poteva essere riformulato.

Ma anche questa volta le polemiche non sono cessate. E tra un ‘apri e chiudi’ del dibattito si è faticato ad arrivare ad una vero e proprio finale. Proprio oggi il governo ha ritirato l’emendamento che avrebbe permesso alla metà dei dirigenti di terza fascia di passare in seconda. Ma il governo promette una riscrittura più consona della norma che verrà depositata alla prima commissione a seguito dello stop estivo. Ma non solo.

Il nodo che non si riesce a sciogliere essenzialmente è stato il tema dei nuovi dirigenti regionali da attingere all’esterno.

Non possiamo continuare a essere creduti lo stipendificio dell’Italia. È vero le emergenze ci sono ma dobbiamo risolverli con gli strumenti consentiti alle pubbliche amministrazioni“. Afferma il deputato del Pd, Di Pasquale.

Il presidente Musumeci durante lo scorso dibattito parlamentare aveva avvertito tutti i gruppi parlamentari che c’è una grave crisi nel dipartimento Acqua e Rifiuti dove mancano numerosi posti da dirigente con il conseguente problema dei lavori in corso rispetto all’assessorato all’Energia. Ma a causa delle pressioni dell’opposizione anche questo emendamento, momentaneamente è stato accantonato. Viene approvato l’articolo 6 dopo una lunga discussione attraverso una serie di emendamenti del gruppo del Pd che di fatto regolarizza attraverso dei concorsi regionali nuove assunzioni alla Regione Siciliana.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.