Ars, la Gesap diserta l'audizione in commissione Ambiente territorio e mobilità :ilSicilia.it

aeroporto di palermo

Ars, la Gesap diserta l’audizione in commissione Ambiente e mobilità

di
15 Ottobre 2019

La Gesap assente all’Assemblea Regionale Siciliana. Oggi la commissione Ambiente, territorio e mobilità avrebbe dovuto audire i componenti della società che gestisce l’aeroporto di Palermo ed anche l’imprenditore Giuseppe Todaro ed ex vicepresidente della Gesap. Ma nessun componente del Cda si è presentato in audizione. “Impegni precedentemente assunti” è stata la motivazione unanime.

La vicenda è di particolare interesse per la IV Commissione, perché come Commissari abbiamo  l’obbligo di vigilare e di pretendere trasparenza nella gestione dei servizi pubblici, a maggior ragione quando questi risultino riconducibili quattro  nomine su cinque ad una unica mano. Pertanto, sottolineando la stranezza di questa corale mancata comparizione, rinviamo la seduta, con largo anticipo, al 30 Ottobre e ringraziamo il dottore Todaro per essere stato prezioso interlocutore oggi“. Afferma il presidente della IV commissione Giusi Savarino.

Alla Gesap Giuseppe Todaro, esponente di Sicindustria, aveva preso il posto del vice presidente Roberto Helg, arrestato per l’estorsione al pasticciere Santi Palazzolo, e si trovò di fronte ad un “mare magnum” di consulenze e incarichi. “Venivano assegnati con affidamenti diretti e senza alcuna comparazione di mercato”, ha detto rispondendo alle domande del pubblico ministero Claudia Ferrari. Todaro è stato citato come testimone dell’accusa nel processo che si sta celebrando davanti al Tribunale presieduto da Fabrizio La Cascia.

Todaro nel settembre 2015 e nel marzo 2016 prese carta e penna e presentò due denunce alla Squadra mobile: dal 2009 al 2014 Gesap aveva conferito una moltitudine di incarichi di consulenza alla progettazione per otto milioni di euro, i progetti sarebbero stati parcellizzati e le consulenze affidate a soggetti esterni senza alcuna verifica. Il tutto sembrerebbe  per un danno da 11 milioni di euro per le casse di Gesap.

L’ultima notizia in ordine cronologico su Gesap è il blitz del sindaco Leoluca Orlando per rimuovere il presidente Tullio Giuffrè che lui stesso aveva nominato, attraverso l’assemblea dei soci di qualche settimana fa.

La maggioranza delle azioni è saldamente in mano a Orlando in qualità di sindaco di Palermo e presidente della Città Metropolitana. Al posto di Giuffrè, è stato nominato l’amministratore unico di Sispi, Francesco Randazzo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin