Ars, lavoratori Asu ancora in bilico. Lega insiste su pregiudiziale :ilSicilia.it

lo stallo politico

Ars, lavoratori Asu ancora in bilico. Lega insiste su pregiudiziale

di
5 Ottobre 2021

La situazione di stallo politico all’Assemblea regionale siciliana comincia ad agitare gli animi dei partiti. L’attività parlamentare viene paralizzata, per l’ennesima volta, non solo dalla mancanza del numero legale, data la scarsa presenza della deputazione di maggioranza, ma anche per assenza del governo, rinviando a martedì, 12 ottobre, la seduta d’Aula.

E ancora nessuna soluzione per concludere la stagione del precariato pubblico che sembra essere infinita. Si tratta della vertenza ASU, lavoratori siciliani che da oltre 20 anni svolgono attività socialmente utili e attendono una risposta chiara per la stabilizzazione. Poi c’è il tema dell’aumento delle ore di servizio in modo permanente per i contrattualizzati da diversi enti locali dell’Isola, che a fatica sostengono il contributo con fondi propri. Questioni ancora in bilico e da discutere a Palazzo dei Normanni.

Ricordando che le proteste sono già iniziate durante le scorse sedute per la decurtazione delle somme già assegnate dalla finanziaria 2021,  per i lavoratori in questione, scaturite a seguito dell’impugnativa da parte del Mef dell’art. 36 della legge di stabilità regionale che ha dato parere negativo sulla stabilizzazione di tutto il bacino in questione, e quindi la possibilità di instaurare con l’amministrazione pubblica un rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Il taglio dei fondi destinati alla stabilizzazione di questa categoria causerebbe anche la mancata integrazione delle ore lavorative, con il conseguente rallentamento degli uffici pubblici.

La proposta della Lega di appostare in bilancio regionale 10 milioni di euro, per sostenere il costo delle ore aggiuntive di lavoro o per coprire i costi già sostenuti dai Comuni, era stata incardinata all’ordine del giorno di Sala d’Ercole, tuttavia l’emendamento che porta la firma di tutti i componenti del Carroccio, non è passato al voto del parlamento siciliano, essendo ancora al vaglio della Commissione Bilancio per essere perfezionato.

Così, l’intero gruppo parlamentare leghista insiste nel proporre la pregiudiziale sul Ddl stralcio 962 e quindi sull’intero testo perché il regolamento non consente di farlo su una singola norma.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin