Ars, lavori a rilento per esame ddl su esercizio provvisorio :ilSicilia.it

la seduta parlamentare

Ars, lavori a rilento per esame ddl su esercizio provvisorio

di
18 Gennaio 2022

L’Assemblea regionale siciliana, presieduta da Gianfranco Miccichè, ha dibattuto con difficoltà l’esame generale del ddl per l’autorizzazione all’esercizio provvisorio del bilancio della Regione per il 2022.

Domani si deve votare”, ha detto Miccichè, che ha sospeso i lavori per consentire la riunione dei capigruppo, caldeggiata in apertura
di seduta dall’opposizione. Infatti il clima a Sala d’Ercole non è stato del tutto sereno PD e M5S hanno chiesto di calendarizzare l’intervento del presidente della Regione Nello Musumeci per riferire in aula sulla crisi politica nella maggioranza, aperta dopo il voto dei 3 delegati elettori del nuovo Presidente della Repubblica che al Quirinale prenderà il posto di Sergio Mattarella.

E presto sarà stabilita la data per il confronto tra il Parlamento siciliano e il Governo Musumeci.

Ma non finisce qui. Tornando alla discussione generale del disegno di legge di autorizzazione dell’esercizio provvisorio, l’opposizione ci riprova con la tecnica dell’ostruzionismo. I deputati di Palazzo dei Normanni, dai democratici ai grillini, si sono alternati con interventi di quindici minuti a testa durante il dibattito parlamentare. Al governo regionale è stato contestato di non avere approvato nemmeno una manovra di bilancio nei termini di legge e di avere fatto ricorso sempre alla gestione provvisoria. Nel merito, il Pd ha criticato  alcune norme del ddl che assegnano fondi di circa due milioni per la promozione, per i beni culturali, per il turismo e poi altre che prevedono uno stanziamento di oltre 50 milioni per i collegamenti marittimi, mentre secondo l’opposizione non ci sono misure per la povertà.

Dopo lunghi dibattiti Miccichè ha riferito che la seduta riprenderà domani alle ore 12 con la discussione del ddl sull’esercizio provvisorio per il voto finale, che non è più rinviabile per potere garantire le spese necessarie.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.