Ars, Lega e Ora Sicilia ancora senza gruppo. Dietro lo stop alla deroga le elezioni amministrative :ilSicilia.it

Catalfamo e Genovese respingono le ipotesi

Ars, Lega e Ora Sicilia ancora senza gruppo. Dietro lo stop alla deroga le elezioni amministrative

di
17 Giugno 2020

Slitta ancora la deroga per i due gruppi parlamentari dell’Ars che hanno tre componenti, Ora Sicilia, la creazione del giovane deputato regionale Luigi Genovese eletto tra le fila di Forza Italia e poi trasferitosi in questo laboratorio politico in cui sono approdati anche l’ex assessore regionale Luisa Lantieri e Daniela Ternullo. Ricordiamo anche che il quarto deputato della composizione politica di Ora Sicilia è stato Tony Rizzotto. Il politico di origini trapanesi ha Lasciato a luglio scorso la Lega passando al gruppo Ora Sicilia, qualche mese fa è decaduto. La Corte di Appello di Palermo, infatti, ha dichiarato ineleggibile Tony Rizzotto.

L’altra formazione politica che chiede la deroga per la formazione del gruppo è La Lega di Salvini, tra le cui fila all’Ars militano Antonio Catalfamo, Marianna Caronia e Orazio Ragusa. Il gruppo parlamentare ha perso uno dei suoi deputati poco tempo fa. Stiamo parlando di Giovanni Bulla che “ripensandoci” è tornato alle sue origini politiche, tra le fila dell’Udc.

Ma perché al momento l’ufficio di presidenza ancora non affronta il tema delle deroghe? Qualcuno pensa che sono delle strategie politiche in vista delle prossime elezioni comunali autunnali. I maliziosi dicono che Forza italia, che in provincia di Messina starebbe cercando di rafforzare i propri candidati sindaco acquisendo il sostegno degli altri partiti del centrodestra. Il leghista Catalfamo nega questa ipotesi: “Noi siamo tranquilli. La riunione del consiglio di presidenza è soltanto posticipata. Entro poche settimane si risolverà questo problema. Si il presidente dell’Ars Miccichè tempo fa ha avuto delle scaramuccie con il nostro Leader Salvini ma oggi tutto è risolto. Ne è testimonianza la amichevole incontro tra i due a Palazzo dei Normanni”.

Anche Genovese trova motivazioni di diverso genere allo stop alla deroga, e affida le sue motivazioni per pttenerla a una nota che ha inviato all’ufficio di Presidenza. Uno dei punti? “L’elezione in almeno due circoscrizioni dei tre deputati al Gruppo Ora Sicilia rappresenta che il gruppo è costituito da parlamentari provenienti tutti da diverse province (Enna, Messina, Siracusa)”;

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.