18 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.04
caronte manchette
caronte manchette

La linea di partenza potrebbe andare oltre e abbracciare tutti gli scontenti

Ars, maggioranza a due velocità: Forza Italia prova ad allargare la fronda

12 marzo 2018

Non saranno i partigiani del Pd, ma pensano a fare scissioni dentro FI. Oggi si sono incontrati a Caltanissetta, Marianna Caronia, Tommaso Calderone, Rossana Cannata e Riccardo Gallo Afflitto. I dissidenti del fronte interno di FI alla linea di Gianfranco Miccichè.

Al di là degli esiti interlocutori viene ribadita la posizione di riaprire il dialogo dentro Forza Italia. Almeno per ora.

La linea di partenza potrebbe però  andare oltre e abbracciare tutti gli scontenti e i delusi. Arrivare possibilmente a una decina di parlamentari, raggranellando anche nel Pd e nel centrosinistra aiuti alla causa.

Per creare problemi alla ‘maggioranza che non c’è’ come l’ha definita Nello Musumeci, ne bastano anche sei o sette. Tra gli attuali Miccichè ha messo in conto di poter perdere Caronia e Cannata, ma ancora nutre più di  una speranza sul recupero di Gallo e Genovese.

L’attività dell’Aula poco rilevante finora non ha messo in luce se non poche, ma sostanziali, crepe.  A partire dalle bocciature dei disegni di legge sul terzo mandato e sull’abolizione del voto di parità di genere. Episodi avvenuti in commissione Affari istituzionali dove la maggioranza è comunque risicata.

Nel Defr si evidenzia  poi come mancano all’appello oltre 411 milioni di euro. Molti dei passaggi che in tal senso dovranno portare a soluzioni poggiano sulla trattativa con lo Stato che sta portando avanti con pazienza certosina il vicepresidente della Regione Gaetano Armao.

Una vertenza quella con Roma caratterizzata da molti aspetti tecnici che mettono in discussione una serie di rivendicazioni da parte della Sicilia, ma che necessitano in ogni caso di una interlocuzione da sviluppare con un governo romano, di scopo, tecnico, politico o di ogni altra formula che potrebbe vedere la luce non prima della fine di aprile.

Ecco dunque che si farebbe strada, tra le altre ipotesi, quella di preparare una sorta di documento tecnico ridotto all’essenziale, da approvare entro aprile, con accanto un collegato con una serie di misure a parte,  dove rientrerebbe un ruolo più attivo dell’aula.

Il governo regionale a guida Musumeci del resto vuole tracciare una linea di discontinuità dall’impianto di bilancio del suo predecessore. Per segnare differenze più che analogie rispetto al passato. Spazio dunque alle norme su Cas e Anas che potrebbero arrivare insieme a quelle sulla riforma degli Iacp, la soppressione dell’Esa, ma anche la ridefinizione di alcuni aspetti che riguardano l’Urega all’insegna della semplificazione con l’ipotesi di bandi che rendano più trasparenti le gare all’insegna del metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Emotivamente il colore non è uguale per tutti

Di fronte allo stesso colore, una persona lo troverà gradevole, un’altra potrà trovarlo sgradevole. L’attrazione o la repulsione che ognuno di noi mostra soggettivamente di fronte ai colori è una reazione fisiologica che avviene sulla base del proprio stato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Radiografia, Tac e Pet: tra nuove tecnologie e ars medica

L’attuale presidente della Società Italiana di Radiologia Medica, professore Roberto Grassi, ha dichiarato un po' di tempo fa che "Abbiamo bisogno di clinici che facciano i clinici, di medici che facciano i medici, perché in gioco non c’è solo spreco di risorse, ma anche la sicurezza dei pazienti, che devono essere esposti a radiazioni ionizzanti solo se veramente necessario".
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.