Ars, maggioranza a due velocità: Forza Italia prova ad allargare la fronda :ilSicilia.it

La linea di partenza potrebbe andare oltre e abbracciare tutti gli scontenti

Ars, maggioranza a due velocità: Forza Italia prova ad allargare la fronda

di
12 Marzo 2018

Non saranno i partigiani del Pd, ma pensano a fare scissioni dentro FI. Oggi si sono incontrati a Caltanissetta, Marianna Caronia, Tommaso Calderone, Rossana Cannata e Riccardo Gallo Afflitto. I dissidenti del fronte interno di FI alla linea di Gianfranco Miccichè.

Al di là degli esiti interlocutori viene ribadita la posizione di riaprire il dialogo dentro Forza Italia. Almeno per ora.

La linea di partenza potrebbe però  andare oltre e abbracciare tutti gli scontenti e i delusi. Arrivare possibilmente a una decina di parlamentari, raggranellando anche nel Pd e nel centrosinistra aiuti alla causa.

Per creare problemi alla ‘maggioranza che non c’è’ come l’ha definita Nello Musumeci, ne bastano anche sei o sette. Tra gli attuali Miccichè ha messo in conto di poter perdere Caronia e Cannata, ma ancora nutre più di  una speranza sul recupero di Gallo e Genovese.

L’attività dell’Aula poco rilevante finora non ha messo in luce se non poche, ma sostanziali, crepe.  A partire dalle bocciature dei disegni di legge sul terzo mandato e sull’abolizione del voto di parità di genere. Episodi avvenuti in commissione Affari istituzionali dove la maggioranza è comunque risicata.

Nel Defr si evidenzia  poi come mancano all’appello oltre 411 milioni di euro. Molti dei passaggi che in tal senso dovranno portare a soluzioni poggiano sulla trattativa con lo Stato che sta portando avanti con pazienza certosina il vicepresidente della Regione Gaetano Armao.

Una vertenza quella con Roma caratterizzata da molti aspetti tecnici che mettono in discussione una serie di rivendicazioni da parte della Sicilia, ma che necessitano in ogni caso di una interlocuzione da sviluppare con un governo romano, di scopo, tecnico, politico o di ogni altra formula che potrebbe vedere la luce non prima della fine di aprile.

Ecco dunque che si farebbe strada, tra le altre ipotesi, quella di preparare una sorta di documento tecnico ridotto all’essenziale, da approvare entro aprile, con accanto un collegato con una serie di misure a parte,  dove rientrerebbe un ruolo più attivo dell’aula.

Il governo regionale a guida Musumeci del resto vuole tracciare una linea di discontinuità dall’impianto di bilancio del suo predecessore. Per segnare differenze più che analogie rispetto al passato. Spazio dunque alle norme su Cas e Anas che potrebbero arrivare insieme a quelle sulla riforma degli Iacp, la soppressione dell’Esa, ma anche la ridefinizione di alcuni aspetti che riguardano l’Urega all’insegna della semplificazione con l’ipotesi di bandi che rendano più trasparenti le gare all’insegna del metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin