Ars, Milazzo smentisce le voci su Forza Italia: "Nessun tentativo di allargare la maggioranza" :ilSicilia.it

Intervista al capogruppo azzurro a Sala d'Ercole

Ars, Milazzo smentisce le voci su Forza Italia: “Nessun tentativo di allargare la maggioranza”

di
1 Dicembre 2018

Il tentativo di allargare la maggioranza da parte di Forza Italia? Non c’è stato. Parola del capogruppo azzurro a Sala d’Ercole Giuseppe Milazzo: “Ho detto al Presidente della Regione l’esatto contrario – dice il parlamentare regionale -, di valorizzare i suoi deputati e di convocare più spesso le riunioni di maggioranza. Poi se su un provvedimento c’è la convergenza di altri deputati, da capogruppo di maggioranza non posso che essere contento“. E qui una postilla sulla situazione interna a Sala d’Ercole, dove  lo stesso Musumeci ha ammesso i problemi legati ai numeri del centrodestra: “I provvedimenti si approvano quando c’è la maggioranza più uno dei deputati – dice Milazzo -. Spesso a noi questo non succede perché capita che gli assessori-deputati siano assenti per impegni istituzionali“.

I problemi, però, ci sono. Ultima dimostrazione ieri in Aula quando sul voto al ddl sui debiti fuori bilancio è mancato il numero legale. Anche su questo Milazzo dice la sua:

Ci sono le commissioni che devono esprimere pareri entro il 3 dicembre sulla variazione di bilancio – afferma Milazzo – quindi i colleghi sono presi dall’analisi di questi articoli e dallo studio di eventuali nuove proposte. Ad esempio ieri nella terza commissione si è parlato degli stipendi dei consorzi di bonifica e degli stipendi dei lavoratori Esa“. Il capogruppo di Forza Italia non vede ostacoli insormontabili: “La maggioranza ha deciso di accorpare la trattazione dei debiti fuori bilancio all’interno della sessione che apriremo la prossima settimana sulla variazione. Si voteranno in un minuto“.

Eppure, proprio sulla calendarizzazione del voto per la variazione di bilancio, si sono consumati scontri accesi tra centrodestra e opposizione, con il presidente dell’Ars Gianfranco Micciché che ha rivendicato l’accelerazione dei lavori d’Aula. Milazzo approva e sottoscrive la condotta di Micciché: “Alla riunione dei capigruppo nessuno ha mosso un dito, poi all’improvviso si è creato il problema. Teniamo conto che ogni giorno che perdiamo è un giorno d’attesa in più per le persone che aspettano lo stipendio, mentre noi festeggeremo il Natale – conclude – ci saranno lavoratori che attenderanno l’approvazione della variazione di bilancio“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.