Ars, molto rumore per nulla. La maggioranza salva l'assessore Scavone :ilSicilia.it

lavori a sala d'ercole

Ars, molto rumore per nulla: la maggioranza salva l’assessore Scavone

di
26 Maggio 2020

Tanto rumore per nulla. La maggioranza salva la poltrona dell’assessore Antonio Scavone: 25 favorevoli, 34 contrari.

Oggi pomeriggio in aula è andata in onda a sala d’Ercole la mozione di sfiducia per l’assessore alla Famiglia in merito alle casse integrazione. Protestano indignati i deputati del gruppo Movimento 5 Stelle all’Ars, intervenendo ancora sulla questione dei ritardi sulla cassa integrazione in deroga. Inoltre, i dipendenti della Regione hanno fatto richiesta tramite i sindacati di un bonus per occuparsi delle numerosissime pratiche che si sono ammassate sulle loro virtuali scrivanie.

Nel periodo del covid-19, hanno lavorato in smart working. A Scavone i deputati 5 stelle contestano, in primis, l’intollerabile gestione degli ammortizzatori sociali straordinari nella lavorazione delle pratiche di migliaia di lavoratori, ormai con l’acqua alla gola.

Numerosi gli interventi del Pd e del Movimento 5 Stelle che parlano di “inadeguatezza del governo”.  “Al momento ci sono più di 10mila siciliani che aspettano il pagamento della cassa integrazione in deroga”, afferma De Luca del M5S.

Antonio ScavoneNella sua arringa difensiva a sala d’Ercole, l’assessore Scavone presente in Aula, cerca di gettare la palla lontana dalle sue responsabilità con un bucolico intervento che cita titoli di giornali ed interviste come quella di Tridico, presidente dell’Inps, che cerca di giustificare anche il suo assessorato e il lavoro della cassa integrazione in deroga.

L’onorevole Scavone davanti anche il presidente Musumeci afferma: “Sono qui oggi chiamato in causa da una mozione che chiede chiarezza. Io più volte ho dato la mia disponibilità di chiarire. Anche perché si è scatenata una polemica tutta siciliana. Non vi è dubbio che non eravamo preparati, non era pronta la struttura non era pronta l’Italia. Non avevamo nessuna struttura informatica. La struttura informatica della regione e quella dell’Inps avevano delle criticità”.

Proprio Musumeci qualche settimana fa ha ammesso il peccato originale della piattaforma informatica scelta della Regione Siciliana, rivelatasi inadeguata e farraginosa. La società che ha realizzato il sistema è la stessa che ha realizzato il fallimentare click day del governo Crocetta. Ma ad oggi l’assessore Scavone è salvo grazie alla sua maggioranza.

Lega in primis: “Il nostro gruppo si trova a sostenere il governo Musumeci” afferma la deputata leghista Marianna Caronia.

“Pd e Cinquestelle dovrebbero girare un po’ lo sguardo verso il loro governo nazionale che tanto ha promesso alle famiglie ed alle imprese per l’emergenza Covid-19 e finora non ha dato che un fico secco, con un Inps spalleggiatata che andrebbe commissariata”, conclude Vincenzo Figuccia del gruppo dell’Udc.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.