Ars, mozione contro l'assessore Razza: tutto rinviato :ilSicilia.it

LE ULTIME DALL'ARS

Ars, mozione contro l’assessore Razza: tutto rinviato

di
25 Novembre 2020

La mozione di censura contro l’assessore alla salute Ruggero Razza è stata rinviata a domani pomeriggio. Si è cominciato stasera con la presentazione e i primi interventi. Riunioni nella maggioranza, dopo il primo incontro tra i capigruppo hanno rallentato l’inizio dei lavori, previsti per oggi alle 16.00.

A illustrare la mozione è stato il capogruppo del Pd, Giuseppe Lupo. L’atto parlamentare è stato firmato anche dal M5s e dal deputato Claudio Fava. Le opposizioni contestano all’assessore Razza di non avere gestito nel modo migliore la seconda ondata della pandemia Covid in Sicilia.

Dichiara così Lupo (Pd): “Un malcontento iniziato nella seconda ondata dell’epidemia nella quale la Sicilia, da regione solo sfiorata durante la prima ondata è diventata regione nella quale il virus circola in modo incontrollato. L’incremento dei dati al 24 novembre, è un aumento dei contagi a 55.684. I decessi sono 1.275. Comportamento irresponsabile dell’assessore Razza.”

In Aula è il turno del deputato M5s, Francesco Cappello: “Bisogna che questo Parlamento tuteli la salute dei siciliani provocando la rimozione dell’assessore. Nei mesi estivi a disposizione dell’assessorato non è stato fatto nulla e ora stiamo rischiando anche di fare morire le persone e lasciando tutti gli altri malati senza cura”.

“Il Pd ritiene l’assessore Razza inadeguato a gestire l’emergenza Covid”. Così Anthony Barbagallo, deputato del Pd e segretario regionale dem, che parla anche di “approssimazione e insufficienza nell’affrontare il virus”. Barbagallo poi aggiunge: “In questi giorni nessuno della maggioranza ha spezzato una lancia in favore dell’assessore Razza, ad eccezione di Diventerà Bellissima e di qualche cortigiano. Con l’assessore Razzacontinua Barbagallocrolla nell’opinione pubblica il perno del governo Musumeci”.

Nello Dipasquale del Pd, definisce Razza e il governatore Musumeci “incoscienti”. Il deputato ragusano ha ricordato l’aumento “del 325% dei morti in Sicilia rispetto alla prima ondata” e il “balletto delle terapie intensive messo in atto dal governo regionale”.

Si può sbagliare quando ‘si fa’, ma quando non si fa niente si dimostra soltanto incapacità: incapacità di gestione e di pianificazione dell’emergenza”, dichiara Salvatore Siragusa, deputato del M5s. Siragusa poi ricorda il caso dell’audio del superburocrate Mario La Rocca: “Quell’audio denota anche la incapacità delle persone scelte da questo governo”.

Così commenta Giorgio Pasqua, capogruppo del M5S: “Non avete saputo organizzare la sanità in Sicilia per reagire all’epidemia. È saltato il tracciamento e in questo modo il virus non si potrà arrestare. Non avete organizzato i dipartimenti di prevenzione delle Asp che, a loro volta, stanno ancora creando le Usca che voi avete annunciato”.

Interviene il deputato Cinquestelle, Nuccio Di Paola, che parla di un governo e di un assessore “bravi a fare propaganda” e a comportarsi “con arroganza”. Ma “con l’arroganza e la propaganda – conclude – non si batte la pandemia”.

Dopo l’intervento di Di Paola, il presidente di Sala d’Ercole, Gianfranco Miccichè sospende la seduta e la rinvia alle 16.00 di domani.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin