Ars, Musumeci attacca: "Stop a voto segreto o non andremo più in Aula" :ilSicilia.it

Il presidente alza gli scudi

Ars, Musumeci attacca: “Stop a voto segreto o non andremo più in Aula”

7 Novembre 2019

Dopo la sconfitta politica di ieri in aula sulla riforma dei rifiuti, il presidente Nello Musumeci alza gli scudi e clamorosamente afferma: “Il governo regionale non andrà più in Aula fino a quando non sarà abrogato il voto segreto. Ho già chiesto ai rappresentanti del centrodestra nella Commissione regolamento all’Ars di richiedere la formale convocazione dell’organo per procedere di conseguenza. Ho già anticipato la volontà del governo al presidente del Parlamento Miccichè“.

Ieri è andata in onda una bagarre all’Assemblea regionale siciliana, dove l’ok dell’Aula, con voto segreto, a un emendamento che boccia l’articolo 1 del ddl sulla governance dei rifiuti, in cui venivano fissati i principi cardine della riforma, scatena un reciproco lancio di accuse tra governo e opposizione.

Il presidente della Regione nel suo intervento parla di “cinismo” e “mancanza di coraggio di metterci la faccia, e mi riferisco – precisa – ai deputati della coalizione e a quelli dell’opposizione”.

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Riforma rifiuti, governo Musumeci battuto in Aula col voto segreto

Governo regionale ko e Sicilia al palo. Una Caporetto annunciata ma ora basta

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.