Ars, ok alla deroga per il gruppo della Lega dal Consiglio di Presidenza. No a Ora Sicilia :ilSicilia.it

il fatto

Ars, ok alla deroga per il gruppo della Lega dal Consiglio di Presidenza. No a Ora Sicilia

di
25 Giugno 2020

Il consiglio di Presidenza si è riunito per sciogliere i nodi sulla deroga dei due gruppi parlamentari: Ora Sicilia e Lega di Salvini Premier. Entrambi i due partiti politici presenti in Ars hanno un numero inferiore di deputati rispetto alle norme vigenti all’interno di Palazzo dei Normanni. Proprio per questo il consiglio si è riunito, per trovare una quadra in merito ai due schieramenti politici che sono presenti tra i banchi di sala d’Ercole.

Ma al di là dei tecnicismi come abbiamo già scritto giorni fa, la faccenda è prettamente politica. La deroga è stata emessa nei confronti dei leghisti. Rinviata di 15 giorni la decisione per il gruppo parlamentare di Luigi Genovese. Gianfranco Miccichè si piega al leader del Carroccio Matteo Salvini e al suo partito, che da poco ha anche un assessore ai Beni Culturali. Il contestato Alberto Samonà.

Ma perché la Lega ha ricevuto la deroga? La motivazione del consiglio di Presidenza sarebbe inerente al logo del Carroccio, che era presente anche durante la campagna elettorale delle scorse regionali in Sicilia. Eppure qualche dubbio resta: il logo dei ‘salviniani’ che sostenevano la candidatura di Nello Musumeci a governatore della Sicilia era molto differente,, a memoria, dal simbolo del partito. “Noi con Salvini” non aveva nessun Alberto da Giussano presente nella grafica.

Ma a questo punto, poco importa. Il dado è stato tratto. Quanto meno per il partito di Matteo Salvini. Mentre Luigi

Luigi Genovese

Genovese ed il suo Ora Sicilia rimarranno a bocca asciutta per almeno altri 15 giorni. Il giovane politico messinese rischia di rimanere senza il suo nuovo gruppo parlamentare.

A quanto pare Genovese è da tempo in rotta di collisione con uno dei colonnelli di Forza Italia in Sicilia. L’avvocato penalista di Barcellona Pozzo di Gotto: Tommaso Calderone. Proprio nella sua città natale il capogruppo degli azzurri gioca un match fondamentale per la sua carriera politica: la candidatura a sindaco di un suo collega giurista, Pinuccio Calabrò. Calabrò già presidente della Camera penale di Barcellona Pozzo di Gotto con una esperienza di consigliere provinciale nel centrodestra  è anche presidente dell’Istituto Case popolari d Messina. Insomma un collega del Calderone. Sulla cui candidatura il presidente del gruppo azzurro a Palazzo dei Normanni conta molto.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.