Ars, precari stabilizzati: è legge :ilSicilia.it

un anno per le procedure di stabilizzazione del personale

Ars, ok alla proroga dei precari

di
11 Dicembre 2019

I deputati regionali hanno approvato, questo pomeriggio, il disegno di legge che prevede la proroga di un anno,  per realizzare le procedure di stabilizzazione del personale precario degli enti locali.  41 sono stati i voti favorevoli. Tutti i gruppi parlamentari, compatti, hanno approvato il ddl.

A quanto pare sono stati stabilizzati 4305 dipendenti su 11.388 totali. Norma che stabilizzerà tutto il comparto dei lavoratori ancora non stabilizzati oltre a quelli inerenti ai comuni in dissesto finanziario.

Plaude l’opposizione attraverso il capogruppo del Pd, Giuseppe Lupo“Abbiamo dato una risposta importante ai tanti lavoratori precari che lavorano negli enti locali siciliani, approvando una norma che permette di prorogare per tutto il 2020 i contratti in scadenza il prossimo 31 dicembre. Le proroghe potranno essere attivate anche dai comuni in difficoltà finanziarie, quelli in stato di ‘dissesto’ e di pre-dissesto’”. 

Era doveroso dare garanzie alle migliaia di precari che da anni lavorano nei comuni – aggiunge Lupo – svolgendo funzioni importanti all’interno delle amministrazioni al servizio dei cittadini. In questa occasione il Partito Democratico ha lavorato con grande senso di responsabilità – continua Lupo – prima garantendo il numero legale in commissione Affari istituzionali, e poi chiedendo ed ottenendo una procedura d’urgenza per approvare già oggi il ddl in aula. In questo percorso abbiamo riscontrato la volontà del governo e delle altre forze politiche di esitare rapidamente il testo. Naturalmente – conclude Lupo – il nostro impegno continua affinché si possa arrivare alla definitiva stabilizzazione dei lavoratori. Obiettivo per il quale, però, serve l’impegno finanziario della Regione che deve essere garantito dal governo Musumeci”.

Accende i riflettori sul comune di Capaci, il deputato dell’Udc Vincenzo Figuccia che afferma: “Ci sono alcuni comuni  che al di là della pianta organica nella fase di stabilizzazione stanno dichiarando che alcuni soggetti sono inidonei. Tra questi c’è anche il comune di Capaci. Un fatto scandaloso che non può passare nell’indifferenza. Queste platee storiche vanno tutelate nella loro interezza senza azioni discriminatorie che rischiano di pregiudicare percorsi lavorativi di centinaia di soggetti“.

Soddisfatta di questo importante risultato raggiunto in Aula, l’assessore regionale alle Autonomie locali Bernadette Grasso. “I precari comunali non ancora stabilizzati possono tirare un sospiro di sollievo” ha affermato l’esponente dell’esecutivo che poi ha aggiunto: “Ringrazio il Parlamento siciliano e tutte le forze politiche per aver accolto questa importante proposta, che ci permette di ridare serenità a centinaia di lavoratori. Continueremo a lavorare senza sosta con il Governo nazionale, per trovare una soluzione normativa che possa portare alla definitiva chiusura del processo di stabilizzazione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.