Ars rinvia i ddl su contrasto alla povertà e inclusione. Impasse per la riforma sull'edilizia :ilSicilia.it

I lavori d'aula

Ars rinvia i ddl su contrasto alla povertà e inclusione. Impasse per la riforma sull’edilizia

di
29 Giugno 2021

Incalzano i lavori d’aula dell’Assemblea regionale siciliana, presieduta da Gianfranco Miccichè, e la seduta pubblica n.275 aveva un ordine del giorno fitto di argomenti, dalla discussione del disegni di legge in materia l’edilizia, della “Legge regionale per l’accoglienza e l’inclusione”, alla riforma per la gestione integrata dei rifiuti.

Ma slittano a domani la discussione e, di conseguenza, la votazione delle proposte di legge di impronta fortemente sociale: la legge sul contrasto alla povertà, dalla quale è stato espunto il comma 2 dell’art. 3 per la mancanza di previsione di specifici oneri che non sono stati quantificati, mancherebbe la copertura finanziaria. Da rivedere, invece, il comma 1 dello stesso articolo per un “errore materiale”, dato che la norma prevede “stipulano”, anziché “possono stipulare”. Occorre invertire, dunque, le formule.

Rinviato agli uffici legislativi anche il ddl sull’inclusione che conta circa 14 articoli e che necessita di alcuni emendamenti: si tratta di “un testo corposo e che ha bisogno di approfondimenti per i temi che tratta”, ha detto la deputata regionale Marianna Caronia. Dunque, incardinata nell’agenda di domani la votazione dei testi legislativi.

Tema cruciale di ogni seduta è sempre l‘edilizia, linfa vitale per un importante segmento dell’economia siciliana, piegata dalla pandemia, come ha ben spiegato in aula l‘assessore regionale al Territorio, Toto Cordaro. L’approvazione dei singoli articoli continua a rilento, non mancano gli stalli e i rinvii, le riscritture infinite, che fanno scattare l’ennesimo semaforo rosso per l’approvazione della riforma: il ddl sull’edilizia si arena e l’iter per la  deliberazione viene accantonato, in attesa dei prossimi lavori d’aula.

La ratio del disegno di legge è funzionale per la Regione Siciliana ad allinearsi alle novità introdotte dalla legislazione nazionale in termini di semplificazione e di certezza dei pagamenti per i professionisti. Ma le norme controverse rimangono quelle contenute negli articoli 12 e 20, che riguardano la doppia conformità e la cosiddetta “sanatoria giurisprudenziale”, che fanno scaldare gli animi di Palazzo dei Normanni, soprattutto quelli dell’opposizione, in quanto a dire di PD e M5S aprirebbero la strada a veri e propri condoni edilizi e di inevitabilmente all’impugnativa da parte del CDM. Insomma, l’Ars non supera l’impasse.

E non solo, attesa la votazione  finale dei ddl sul “Riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio”. Intanto, si rinvia a domani, alle ore 17, il dibattito parlamentare.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin