Ars, semaforo verde per la legge sulla sburocratizzazione :ilSicilia.it

LAVORI A PALAZZO DEI NORMANNI

Ars, semaforo verde per la legge sulla sburocratizzazione

di
16 Giugno 2020

Semaforo verde a Palazzo dei Normanni per il  disegno di legge sulla semplificazione delle procedure amministrative: 33 a 24 i voti favorevoli.

Un ddl che ha fatto riemergere vecchi dissapori tra l’assemblea regionale e il governo Musumeci. Il testo di iniziativa parlamentare che, dopo un lungo lavoro in prima commissione, è stato incardinato in aula, era pronto ad assorbire gli emendamenti ed essere votato.

Ma anche il governo, con una corsa frenetica delle ultime ore, ha presentato un testo, più o meno sulla stessa materia, sotto forma di emendamento. La polemica ha assunto carattere politico. Ma dopo numerose contestazioni principalmente da parte dell’opposizione. Uno degli articoli che oggi ha fatto alzare i toni è stato l’articolo 2 della norma.

Articolo 2

In relazione all’esigenza di assicurare gli interventi straordinari necessari a seguito dell’emergenza da pandemia Covid-19 e nelle more dell’intervento legislativo statale che assicuri un quadro unitario di misure di semplificazione dei procedimenti amministrativi, al fine di sostenere la ripresa economica della Regione e di assicurare l’accelerazione delle procedure ordinarie per la realizzazione di opere infrastrutturali di interesse strategico, già finanziate nell’ambito di atti di programmazione anche a valere su risorse extraregionali, nonché al fine di assicurare la riqualificazione, l’adeguamento e la messa in sicurezza di edifici scolastici di proprietà della Regione e degli enti locali e di immobili di proprietà delle aziende del servizio sanitario regionale in relazione alla gestione dell’emergenza di pandemia Covid-19, incluse le attività riabilitative su soggetti già affetti dalla patologia, il Presidente della Regione, entro 10 giorni dalla data di entrata della presente legge, nell’ambito delle competenze attribuite ai singoli enti, con propri decreti, previa delibera di Giunta, per un termine non superiore a 18 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, nomina commissari:

a) i sindaci dei comuni interessati per le opere di interesse comunale e per gli interventi sugli edifici scolastici comunali;

b) i sindaci metropolitani ed i presidenti dei liberi Consorzi comunali per le opere d’interesse sovracomunale e per gli interventi sugli edifici scolastici delle ex province regionali;

c) i direttori generali delle aziende sanitarie e ospedaliere interessate per gli interventi sugli immobili sanitari.

***

Articolo che per l’opposizione conferisce un elevato potere al governatore Musumeci. Per il deputato del Pd Antonello Cracoliciquesto articolo è criminale.  E‘ una legge liberticida e i rischi di non poterla gestire per snellire le procedure. Aumenterà le intermediazione.

Ma l’ex assessore all’Agricoltura è stato prontamente ripreso verbalmente da Gianfranco Miccichè, che ha detto: “Chiedo di tenere un atteggiamento più consono. Certi parole come manette o criminale non dovrebbero essere usate all’interno di Palazzo dei Normanni”.

“Questa era una legge nata dall’onorevole Sammartino. Ad oggi non si è stravolto assolutamente nulla. Mi fa strano il voto di oggi. Perchè credevo che eravamo tutti d’accordo in merito a questa legge. Non ho compreso le motivazioni dell’opposizione di oggi”, afferma a seguito del voto il presidente dell’Ars.

All’attacco del deputato PD, anche il capogruppo di Diventerà Bellissima, Alessandro Aricò. “Le nuove misure di semplificazione e sburocratizzazione e l’ulteriore valorizzazione del silenzio-assenso, delle autocertificazioni e della conferenza dei servizi garantiranno l’accelerazione dei procedimenti amministrativi e saranno fondamentali per la ripresa economica in Sicilia dopo l’emergenza Coronavirus. Molto importante anche la possibilità che la giunta regionale possa decretare lo stato di crisi e di emergenza al verificarsi di eventi che richiedono risposte tempestive ed efficaci. Inoltre il governo Musumeci ha voluto garantire un iter più celere per la realizzazione di opere infrastrutturali e per la riqualificazione, l’adeguamento e la messa in sicurezza di edifici scolastici di proprietà degli enti locali“.

Pertanto, definirla “legge di criminali” e augurare “le manette” come ha fatto il Pd in aula è molto grave. Altro che “prevaricazione” o “disprezzo per gli assetti democratici”, questa legge è nell’interesse dei siciliani e quei deputati dell’opposizione che non l’hanno votata favorevolmente se ne assumeranno la responsabilità politica, per loro è un’occasione perduta“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.