Ars, si procede con interrogazioni e interpellanze sulla sanità in attesa del collegato :ilSicilia.it

I lavori a Sala d'Ercole

Ars, si procede con interrogazioni e interpellanze sulla sanità in attesa del collegato

di
11 Marzo 2019

Ancora lontano dall’approdo in Aula il collegato alla finanziaria all’Ars, salvo sorprese. Mentre, infatti, si aspetta che in commissione Bilancio si trovi la quadra per varare il documento, Sala d’Ercole si occupa degli atti ispettivi.

Nella seduta di martedì 12 marzo la seduta dell’Assemblea regionale siciliana è in programma per le 16. L’ordine del giorno è scarno: “svolgimento di interrogazioni e interpellanze della rubrica Salute”. Si tratta della prosecuzione di quanto già iniziato la scorsa settimana, quando in Aula si è presentato l’assessore Ruggero Razza.

Precedentemente era toccato all’assessore alla Formazione professionale Roberto Lagalla dover rispondere agli atti ispettivi nella materia di sua competenza. Insomma, terza seduta dedicata a interrogazioni e interpellanze.

In commissione Bilancio, nel frattempo, i lavori procedono con la convocazione della seduta, sempre per martedì 12 marzo. Non senza qualche intoppo per la maggioranza. Durante l’ultima riunione, infatti, il Movimento 5 Stelle era riuscito a bloccare un maxiemendamento da 15 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.