Ars, speranze per i cinquemila precari Asu. Una luce in fondo al tunnel :ilSicilia.it

lavori a sala d'ercole

Ars, speranze per i cinquemila precari Asu. Una luce in fondo al tunnel

di
3 Ottobre 2019

I precari Asu vedono una luce in fondo al tunnel. Forse. Ieri l’Ars si è riunita ancora una volta e tra rinvii e nulla di fatto, i deputati regionali finalmente hanno fatto quadra su qualche norma in merito al maxi-emendamento rimodulato dopo l’avviso che il governo sino a fine anno non ha spese attive da poter effettuare. E a Sala d’Ercole si è votato un emendamento che cerca di dare qualche speranza ai lavoratori precari. La norma che è stata approvata prevede che i lavoratori Asu attraverso il dipartimento al Lavoro possano prestare servizio sia negli enti pubblici di riferimento oppure presso altri enti.

L’emendamento al Collegato, votato dall’Aula, rappresenta un segnale di grande importanza per tutti i lavoratori Asu della Sicilia. Non abbiamo lasciato senza risposta i 5000 lavoratori che in questi anni hanno svolto un lavoro importante nei Comuni per i cittadini e le imprese. Ringrazio tutti i componenti della V Commissione che hanno lavorato celermente e con grande spirito di collaborazione per raggiungere questo importante obiettivo“, afferma il presidente della Commissione Cultura, Lavoro e Formazione Luca Sammartino.
Sebbene l’emendamento del Movimento 5 Stelle che prevedeva la stabilizzazione degli Asu in Sicilia sia stato stralciato nella riscrittura del Governo, siamo riusciti a far mantenere un nostro emendamento che in ogni caso impegna l’esecutivo regionale ad andare nella direzione della stabilizzazione, cosi’ come avevamo proposto da componenti M5S della Commissione Lavoro all’Ars“, afferma il deputato regionale del Movimento 5 Stelle Giovanni Di Caro.

L’approvazione all’Ars dell’emendamento sui lavoratori precari Asu è un grande traguardo. Oltre cinque mila persone da troppi anni aspettavano una risposta, ma soprattutto un segnale di attenzione da parte delle istituzioni. Questo e’ un primo passo. Ora si continui con il confronto Regione-Sindacati al fine di portare a una soluzione definitiva questa annosa vertenza“. Ha detto il segretario generale della Cisl Fp Sicilia, Paolo Montera.

Durante i lavori d’Aula il governo è stato messo ko sulla norma sul Cefpas e su quella per autorizzare i concorsi per medici esperti in cure palliative. Un’altra dimostrazione, ove ce ne fosse bisogno, che l’esecutivo guidato da Nello Musumeci, non ha maggioranza parlamentare ed è costretto a vivere alla giornata.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin