Ars, stop al Centro Direzionale: "Impatto enorme sul traffico di Palermo" :ilSicilia.it
Palermo

Lo prevede il testo del "Collegato" alla finanziaria

Ars, stop al Centro Direzionale: “Impatto enorme sul traffico di Palermo”

di
6 Marzo 2019

Addio al Centro Direzionale della Regione previsto in via Ugo La Malfa. Il maxi progetto da oltre 300 milioni di euro voluto fortemente dal governo Musumeci e dall’assessore all’Economia Gaetano Armao ha ricevuto un sonoro stop.

Lo prevede il testo del “Collegato” alla finanziaria approvato oggi dalla Commissione Bilancio dell’ARS, che ha fatto propri alcuni emendamenti di Marianna Caronia.

Il Centro si farà, ma non più in via Ugo La Malfa, strada già troppo trafficata e ingolfata.

Marianna Caronia
Marianna Caronia

Il testo mira a «garantire e tutelare il ruolo istituzionale del Consiglio Comunale, che il Sindaco Orlando e i suoi Assessori vorrebbero invece svilire», attacca la Caronia che ha introdotto la previsione che sulla definitiva ubicazione sia espresso un parere obbligatorio da parte di Sala delle Lapidi.

«È inaccettabile – prosegue Caronia – che da parte non vi sia stata né la sensibilità istituzionale né l’attenzione politica a coinvolgere il Consiglio Comunale e la Commissione Urbanistica» su un progetto faraonico, «che avrà un impatto enorme sulla struttura urbanistica e sulla viabilità di una vasta zona della città. Il Consiglio non può essere spettatore delle scelte di pianificazione».

Anche il M5S tuona contro il metodo adoperato: «Imporlo con legge regionale, in deroga alle norme in materia di edilizia, addirittura bypassando il piano regolatore comunale, è un affronto – dice Giampiero Trizzino – la Regione sta imponendo dall’alto un’opera che non solo rischia di essere completamente decontestualizzata ma addirittura di intralcio per la vita stessa della città, a partire dal traffico veicolare, che in Via Ugo la Malfa è già abbastanza congestionato».

I Cinquestelle si dicono pronti a valutare un esposto alla Corte dei Conti e alla magistratura anche in ragione del fatto che «prima di avviare un’opera del genere la Regione dovrebbe avere contezza precisa di quanto spende per gli affitti». Tra l’altro la zona scelta non è servita dal tram, ma solo dal passante ferroviario, ancora incompleto.

Al Centro Direzionale dovrebbero essere convogliati tutti gli assessorati regionali e circa 4.500 dipendenti. E su un tema del genere – concludono i pentastellati – non basta l’accordo a tre tra Musumeci, Armao e Orlando.

 

LEGGI ANCHE:

Armao: “Stiamo lavorando per il nuovo Centro Direzionale”

Regione, ritorna l’idea del Centro Direzionale: pronto il progetto da 300 milioni

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.