Ars, tempi lunghi per i gruppi di Lega e Ora Sicilia. Si fece prima con Tamajo e D'Agostino :ilSicilia.it

il fatto

Ars, tempi lunghi per i gruppi di Lega e Ora Sicilia. Si fece prima con Tamajo e D’Agostino

di
19 Giugno 2020

Ora Sicilia e Lega di Salvini premier: e i suoi componenti all’Ars, sono al centro di un dibattito all’interno di Palazzo dei Normanni. Proprio ieri era tema del giorno degli uffici di Presidenza, la deroga della loro esistenza all’interno di Sala d’Ercole. Il vulnus della questione? Il numero dei deputati all’interno di Ora Sicilia e La Lega Di Salvini Premier. Tutti e due gruppi sono appesi ad un filo. E come delle marionette vengono gestiti dai componenti del consiglio dove il presidente dell’Ars è il regista. E se i due capo gruppi di entrambi i partiti: Luigi Genovese di Ora Sicilia e Antonio Catalfamo eletto con Fratelli d’Italia e poi migrato nel partito di Salvini, si ritengono tranquilli dell’esito che nelle prossime ore arriverà, i molti credono che questo “fermo biologico” è soltanto una mossa politica in vista del prossimo autunno. A questo si puo’ aggiungere l’incertezza di qualche deputato di entrambi i gruppi di voler cambiare nuovamente casacca politica. Su Ora Sicilia si pensa che Luisa Lantieri e Daniela Ternullo possano dirigersi tra le braccia del partito di Silvio Berlusconi. Pazza idea che potrebbe essere un desiderio da parte del presidente dell’Ars Miccichè. Ma c’è un’altra donna che è incerta del suo destino politico a Palazzo dei Normanni. Stiamo parlando di Marianna Caronia approdata alla Lega di Salvini Premier da poco tempo.

Ma ritornando al nodo della deroga: a quanto pare il numero irrisorio dei deputati di entrambi i due gruppi pone delle perplessità al consiglio di Presidenza. O forse potrebbe essere una scusa per far vivere con ansia le prossime amministrative ai due gruppi parlamentari. Ricordiamo che i deputati di un gruppo parlamentare all’Ars non devono raccogliere le firme per la presentazione delle proprie liste elettorali nelle tornate amministrative.

 

Ma se entrambi i gruppi hanno 3 deputati a testa, Sicilia Futura prima di trasformarsi con pezzi del Pd in Italia Viva era presente nei banchi di sala d’Ercole con due. Edi Tamajo e Nicola D’Agostino sono stati eletti con il partito dell’ex ministro Totò Cardinale che ha sostenuto la candidatura alla presidenza della Regione di Fabrizio Micari. Oggi folgorati sulla via di Damasco fanno parte del partito di Renzi insieme a Luca Sammartino e Giovanni Cafeo.

Sicilia Futura quasi per metà della legislatura non ha creato nessun fastidio al consiglio di Presidenza. La motivazione? Entrambi i due deputati anche se tecnicamente dovrebbero far parte dell’opposizione sono stati favorevoli alla nomina di Miccichè presidente dell’Ars. In cambio, l’ex giocatore di calcio Tamajo è stato premiato attraverso la nomina nella segreteria del consiglio di Presidenza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.