Ars, Totò Lentini saluta Forza Italia e approda a Fdi :ilSicilia.it

Era subentrato a Giuseppe Milazzo

Ars, Totò Lentini saluta Forza Italia e approda a Fdi

di
14 Dicembre 2019

Il deputato regionale Totò Lentini, 59 anni, già eletto nelle passate legislature con Mpa e Udc, primo dei non eletti in Forza Italia alle regionali del 5 novembre 2017 con 4.850 voti e subentrato a Giuseppe Milazzo, eletto parlamentare europeo, passa con Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni.

L’annuncio lo ha dato sulla sua pagina Facebook l’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo Manlio Messina: “Giorgia Meloni e Manlio Messina danno il benvenuto in Fratelli d’Italia a Totò Lentini, persona radicata sul territorio e che da sempre si batte per la sua comunità. La crescita del nostro movimento, da Nord a Sud, e’ l’ennesima conferma che stiamo percorrendo la strada giusta e che sempre più italiani stanno apprezzando la nostra coerenza, la nostra serietà e le tante battaglie che portiamo avanti nel loro interesse“.

La mancanza di stimoli e di obiettivi di Forza Italia mi ha fatto riflettere su quale binario perseguire il mio percorso politico, da sempre centrato sui valori della famiglia tradizionale e sulla cristianità, valori fondanti della nostra identità nazionale – spiega Lentini – Anche per queste ragioni ho ritenuto di sposare il pensiero e il progetto politico di Fratelli d’Italia e di Giorgia Meloni. Deciso a non svendere i principi cardini della cristianità, del valore della famiglia e del senso del dovere nazionale, aderisco con assoluta convinzione a un partito che, come me, si ispira a una visione spirituale della vita e ai valori della tradizione nazionale, liberale e popolare“, conclude.

Con Totó Lentini cresce la squadra di FDI all’ARS e sul territorio – afferma Carolina Varchi, deputata palermitana a Montecitorio di Fdi – Il progetto al quale lavoriamo incessantemente dal 2012 con Giorgia Meloni sta mostrando tutto il suo potenziale in termini di crescita e radicamento territoriale. Il mio benvenuto dunque all’onorevole Lentini con il quale lavoreremo per difendere idee e valori comuni in un partito sempre più forte”.

Esprime soddisfazione anche il sindaco di Catania, Salvo Pogliese: “L’adesione a Fratelli d’Italia dell’onorevole Toto’ Lentini rafforza e accresce in modo significativo il partito all’Ars e in Sicilia. Il suo contributo di esperienza e capacita’, che ho avuto modo di apprezzare personalmente nella legislatura 2008-2012, sara’ importante per radicare FDI nel territorio e nelle istituzioni. A Toto’ Lentini rivolgo il mio abbraccio affettuoso, e saluto con entusiasmo, la sua volontà di condividere con Giorgia Meloni e tutta la dirigenza siciliana, un percorso di crescita e sviluppo della nostra terra che stiamo perseguendo con orgoglio e coerenza, nell’esclusivo interesse dei siciliani“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.