17 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.58

Le grandi manovre di Luigi Genovese

Ars, un altro Pd verso “Ora Sicilia” e la Lega si smarca: “Sconcertante”

22 Giugno 2019

E se prima eravamo in tre a ballare l’alligalli adesso siamo in 4 a ballare l’alligalli potrebbe essere la colonna sonora del neo gruppo parlamentare dell’Ars “Ora Sicilia”.

Un altro onorevole del Pd, tra qualche giorno dovrebbe entrare a far parte del nuovo team filo-governativo che in queste ore ha creato qualche marasma all’interno della coalizione di Nello Musumeci. Si fanno una serie di nomi ma al momento i diretti interessati smentiscono. Anche se voci di corridoio raccontano che l’accordo dovrebbe essere già chiuso con un altro deputato Dem pronto a traghettare nella formazione appena battezzata.

Nel frattempo, i deputati Luigi Genovese, Luisa Lantieri e Daniela Ternullo, che lasciano rispettivamente i gruppi di Forza Italia, Pd e Cantiere popolare-Mpa, domenica dovrebbero incontrarsi a Messina per decidere alcuni punti in vista della prossima settimana politica. Questo nuovo progetto sembrerebbe nascere sotto gli auspici dell’assessore alla Sanità Razza che andrebbe in questo modo a stringere il cerchio per accrescere il sostegno parlamentare al governatore Musumeci e al suo disegno politico meridionalista, ribadito proprio sabato scorso in occasione della convention di Diventerà Bellissima a Palermo. Il capogruppo di ‘Ora Sicilia‘, Genovese, però non chiude la porta in faccia a Forza Italia nè dimentica il rispetto politico nei confronti del Presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè. Ed il suo pensiero è facilmente intuibile attraverso le sue parole che non sono sembrate di guerra nei confronti del coordinatore siciliano dei berlusconiani.

In questi giorni a seguito della nascita del nuovo gruppo, c’è chi intravede il rischio dell’apertura di un mercato di deputati non solo dall’opposizione verso la maggioranza ma anche dai partiti della stessa maggioranza verso ‘Ora Sicilia‘, circostanza che potrebbe dare ‘man forte’ al Presidente Musumeci, per un maggiore consolidamento della sua leadership all’interno dei Palazzi.

Intanto, sull’operazione di nascita della nuova formazione parlamentare guidata da Genovese jr pesano le parole dette in queste ore da Stefano Candiani, commissario siciliano della Lega, che in un’intervista al quotidiano La Sicilia, non fa sconti al nuovo gruppo e adopera termini che pesano come macigni: “Sconcertato di come la gente passi da una parte all’altra tradendo il vincolo di mandato con gli elettori. Povero Musumeci, deve avere a che fare con boiardi che noi qui in Sicilia vogliamo cacciare, rinnovando la classe dirigente proprio come Salvini sta facendo a livello nazionale”. 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.