Ars, un altro Pd verso "Ora Sicilia" e la Lega si smarca: "Sconcertante" :ilSicilia.it

Le grandi manovre di Luigi Genovese

Ars, un altro Pd verso “Ora Sicilia” e la Lega si smarca: “Sconcertante”

di
22 Giugno 2019

E se prima eravamo in tre a ballare l’alligalli adesso siamo in 4 a ballare l’alligalli potrebbe essere la colonna sonora del neo gruppo parlamentare dell’Ars “Ora Sicilia”.

Un altro onorevole del Pd, tra qualche giorno dovrebbe entrare a far parte del nuovo team filo-governativo che in queste ore ha creato qualche marasma all’interno della coalizione di Nello Musumeci. Si fanno una serie di nomi ma al momento i diretti interessati smentiscono. Anche se voci di corridoio raccontano che l’accordo dovrebbe essere già chiuso con un altro deputato Dem pronto a traghettare nella formazione appena battezzata.

Nel frattempo, i deputati Luigi Genovese, Luisa Lantieri e Daniela Ternullo, che lasciano rispettivamente i gruppi di Forza Italia, Pd e Cantiere popolare-Mpa, domenica dovrebbero incontrarsi a Messina per decidere alcuni punti in vista della prossima settimana politica. Questo nuovo progetto sembrerebbe nascere sotto gli auspici dell’assessore alla Sanità Razza che andrebbe in questo modo a stringere il cerchio per accrescere il sostegno parlamentare al governatore Musumeci e al suo disegno politico meridionalista, ribadito proprio sabato scorso in occasione della convention di Diventerà Bellissima a Palermo. Il capogruppo di ‘Ora Sicilia‘, Genovese, però non chiude la porta in faccia a Forza Italia nè dimentica il rispetto politico nei confronti del Presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè. Ed il suo pensiero è facilmente intuibile attraverso le sue parole che non sono sembrate di guerra nei confronti del coordinatore siciliano dei berlusconiani.

In questi giorni a seguito della nascita del nuovo gruppo, c’è chi intravede il rischio dell’apertura di un mercato di deputati non solo dall’opposizione verso la maggioranza ma anche dai partiti della stessa maggioranza verso ‘Ora Sicilia‘, circostanza che potrebbe dare ‘man forte’ al Presidente Musumeci, per un maggiore consolidamento della sua leadership all’interno dei Palazzi.

Intanto, sull’operazione di nascita della nuova formazione parlamentare guidata da Genovese jr pesano le parole dette in queste ore da Stefano Candiani, commissario siciliano della Lega, che in un’intervista al quotidiano La Sicilia, non fa sconti al nuovo gruppo e adopera termini che pesano come macigni: “Sconcertato di come la gente passi da una parte all’altra tradendo il vincolo di mandato con gli elettori. Povero Musumeci, deve avere a che fare con boiardi che noi qui in Sicilia vogliamo cacciare, rinnovando la classe dirigente proprio come Salvini sta facendo a livello nazionale”. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.