Ars, Valentina Palmeri lascia Attiva Sicilia e approda alla corte di Fava :ilSicilia.it

la dichiarazione

Ars, Valentina Palmeri lascia Attiva Sicilia e approda alla corte di Fava

di
21 Luglio 2021

“Dopo attenta valutazione ho deciso di passare al gruppo misto e continuare a portare avanti, come Verdi – Europa Verde, le mie battaglie di sempre: la difesa dell’ambiente e la lotta ai cambiamenti climatici, che, insieme all’ascolto del territorio e delle fasce deboli, saranno sempre il mio faro”, lo afferma la deputata regionale Valentina Palmeri.

Nonostante il lungo percorso condiviso con i miei colleghi, per i quali ho sempre nutrito e nutro stima ed affetto, ritengo che la mia scelta sia obbligata. Intendo continuare un percorso con quanti finora hanno condiviso punti e obiettivi di vero cambiamento per la Sicilia”, conclude Palmeri.

Do il benvenuto all’onorevole Valentina Palmeri nel gruppo parlamentare. Ci sono le premesse per lavorare bene insieme su tutti i temi legati alla tutela e alla valorizzazione dell’ambiente e del territorio siciliano”.

Lo ha dichiarato il deputato regionale de “i cento passi” Claudio Fava, commentando l’ingresso nel gruppo misto della deputata trapanese. Nelle prossime settimane i due parlamentari saranno impegnati in una serie di iniziative comuni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin