Ars, verso il voto finale della riforma su Irsap :ilSicilia.it

la seduta a Sala d'Ercole

Ars, verso il voto finale della riforma su Irsap

di
25 Novembre 2021

L’Assemblea regionale siciliana, presieduta da Gianfranco Miccichè, ha rinviato a martedì 30 novembre il voto finale del disegno di legge sulle “Procedure semplificate e regimi procedimentali speciali per l’insediamento, la realizzazione e lo svolgimento delle attività economiche e imprenditoriali nelle ZES e nelle aree di sviluppo industriale ed artigianale e modifiche alla legge regionale 12 gennaio 2012, n. 8 in materia di IRSAP”.

Il ddl era passato di nuovo al vaglio della III Commissione Attività produttive dell’Ars, tra emendamenti e perfezionamenti della legge. Un lavoro intenso partito questa mattina con confronti anche accesi tra le forze politiche di maggioranza ed opposizione, ma sempre volti al miglioramento delle norme che riguardano le ex Asi, oggi Irsap, l’Istituto Regionale per lo Sviluppo delle Attività Produttive.

Nell’ultima seduta di Sala d’Ercole, si è assistito alla sospensione del dibattito su alcuni articoli, tra questi l’articolo 5 che riguardava la riconsegna delle strade ai Comuni dove è pertinente l’area industriale e artigianale, l’art.14 che riguarda le attività “immobiliari”, termine sostituito con quello di “commerciali”, più consono rispetto al tipo di attività che gli artigiani e gli industriali vanno ad espletare nel territorio di riferimento. Importante l’articolo 15 che riguarda la semplificazione in generale e la questione annosa dei depuratori. Governo e Commissioni si sono convinti che i depuratori vanno consegnati all’interno del comune dove ricade il depuratore. La norma parla anche di “valutazione” nel caso di vendita o di acquisto di terreni: su questo fronte è stato fatto un passo importante, perché con questa riforma, per la prima volta, la valutazione viene affidata all’Irsap, dove un ufficio specifico che si preoccuperà di dare valore agli immobili e ai suoli da dare in concessione agli industriali che ne faranno apposita richiesta.

Dunque, in questa riforma è pregnante la semplificazione che permette a chi ne ha titolo di investire, grazie alla liberalizzazione dei suoli, dei capannoni, in aggiunta sono arrivate le Zes e le Zone franche in alcuni casi, in aggiunta il contributo unanime delle componenti politiche e burocratiche. L’ultima parola al Parlamento siciliano chiamato a votare la riforma ala prossima seduta d’aula, mancando oggi il numero legale per potere approvare la legge.

Parlando delle Zes, l’istituzione delle Zone economiche speciali in Sicilia si è rivelata atto fondamentale ai fini dell’assegnazione delle risorse afferenti al Pnrr  per investimenti infrastrutturali necessari a realizzare i così detti “corridoi” di collegamento che  faciliteranno il trasporto delle merci da e verso l’Europa in chiave Mediterraneo.

Lo ha ricordato anche l’assessore regionale delle Attività produttive, Mimmo Turano, presente in aula: il lavoro del governo Musumeci su questo fronte ha indirizzato la Regione affinché non venisse tagliata fuori dalla dote di 630 milioni che il Piano nazionale per la ripresa e la resilienza destina alle Zes del Sud. Nel nostro caso, oltre 100 milioni di  euro. A breve, infatti, il decreto di riparto del Ministero per il Sud che renderà operativa la disponibilità delle risorse del Pnrr assegnate alle otto Zes meridionali (Abruzzo, Calabria, Campania, Ionica interregionale Puglia-Basilicata, Adriatica interregionale Puglia-Molise, Sicilia Orientale e Occidentale).

Nel dettaglio, 56,8 milioni sono assegnati alla Zes Sicilia occidentale in cui verrà potenziato il collegamento tra il porto e l’area industriale di Trapani, mentre per il porto di Termini Imerese sono previsti interventi per il miglioramento della logistica. Invece, 54,2 a quella della Sicilia orientale che serviranno per realizzare le infrastrutture necessarie a collegare le aree delle Zes alla Rete nazionale dei trasporti e con essa alle Reti trans-europee, dove pronti a partire  pronti a partire gli interventi di accessibilità ai porti di Riposto, Sant’ Agata di Militello e Gela, e per il porto di Augusta. Adesso, bisognerà correre per realizzare entro il 2026 gli interventi programmati.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin